Intervista ad Eiichiro Oda (2018) – One Piece MAGAZINE Vol. 02

da Gabriele "Il Re" Bertoloni
2236 visualizzazioni
  • “ONE PIECE” quest’anno celebra il suo 20° anniversario di serializzazione. Come nel Vol.1, desidero ancora una volta chiedere a Oda-san in persona su vari argomenti. Grazie in anticipo.
  • Eiichiro Oda (di seguito, Oda): Grazie anche a voi.
  • Nella scorsa occasione, ha parlato di come l’immaginazione permetta di disegnare luoghi mai visitati. Qual è l’origine dell’immaginazione di Oda-san?
  • Oda: Credo che derivi dalla mia infanzia. Non era un’epoca di abbondanza, quindi penso di aver compensato molto con l’immaginazione. Una cosa che mi distingueva dagli altri… era il mio amore per il rakugo. Sicuramente.
  • Lei amava il rakugo fin da bambino?
  • Oda: Sì, lo amavo. Ascoltavo principalmente rakugo alla radio, e penso che ‘ottenere informazioni con l’udito’ rafforzi l’immaginazione. Bisogna immaginare l’aspetto dei personaggi. Mi piacevano programmi televisivi come ‘Shoten’, ma cercavo ancora di più il rakugo, soddisfacendo questo desiderio con la radio. Ho iniziato ad ascoltare il rakugo alla radio da bambino. Era divertente, ma non riuscivo a condividere questo interesse con i miei amici a scuola (risate). Quando ero alle medie e gli amici venivano a casa mia, cercavo disperatamente di trasmettere loro questa passione, facendo loro ascoltare le registrazioni del rakugo, ma… dopo appena 5 minuti, iniziavano a vagare per la stanza. ‘Perché, è proprio qui che diventa interessante! Perché non si aprono a questo!? Non posso crederci!’ pensavo, ma non riuscivo proprio a trasmettere loro la mia passione.
  • Ha iniziato ad ascoltare il rakugo influenzato da qualcuno in particolare?
  • Oda: Sì, dai miei genitori. Registravano vecchi manzai e rakugo su cassetta e li ascoltavano. Ho iniziato ad ascoltarli con loro e a poco a poco mi sono appassionato. Così, ho iniziato a cercare rakugo anche nei programmi radiofonici. Li registravo e li ascoltavo ripetutamente ogni giorno. Non riuscivo a calmarmi se non li ascoltavo mentre mi addormentavo. Ero un bambino delle elementari che si addormentava ascoltando la voce di un vecchio narratore di rakugo (risate). Anche mia sorella li ascoltava, ma per qualche motivo solo io sono diventato un appassionato. Quando ero alle medie, un artista di rakugo venne al municipio di Orsomoto o qualcosa del genere, e siccome amavo così tanto il rakugo, i miei genitori mi hanno regalato il biglietto come regalo di compleanno. Ci sono andato con loro. Ero entusiasta. Credo fosse intorno alla prima media.
  • Per caso, ci sono spettacoli di rakugo che raccomanderebbe ai principianti?
  • Oda: Raccomando ‘Kaen Daiko’, ma penso che ci siano molti che amano questo spettacolo. Un altro buon racconto è ‘Bunshichi Mottoi’. Inoltre, quando ero alle elementari, ho ascoltato ‘Tenshiki’ e mi è piaciuto molto. Riguarda un monaco che non si sente bene e va dal dottore. Il dottore gli chiede: ‘Hai il Tenshiki?’. Il monaco non sa cosa sia, ma è troppo imbarazzato per chiedere, quindi finge di sapere. Allora chiede al suo giovane apprendista: ‘Hai il Tenshiki?’. Quando il ragazzo dice di non sapere, il monaco gli ordina di scoprirlo. Si scopre che ‘Tenshiki’ significa ‘peto’, e quando il ragazzo lo scopre, si rende conto che il monaco lo stava facendo cercare di proposito e gli mente dicendo che significa ‘bicchiere’. Così, il monaco finisce per fare figure ridicole dicendo in giro ‘Che bel Tenshiki!’ Ci sono molte altre storie divertenti nel rakugo, quindi chi è interessato dovrebbe cercarle.
  • Quindi, c’è qualche artista di rakugo che vorrebbe incontrare ora?
  • Oda: Non c’è nessuno in particolare. Tuttavia, incontro una volta all’anno il maestro Yanagiya Kosanji, un tesoro nazionale vivente.
  • Come si è sviluppato questo legame?
  • Oda: Ogni anno, lo Studio Ghibli organizza un evento di rakugo, promosso da Toshio Suzuki. Una volta, partecipando al programma radiofonico di Suzuki-san, ho parlato della mia passione per il rakugo e da allora mi ha invitato. Da allora, partecipo regolarmente.
  • Essendo così appassionato, ha mai pensato da bambino di diventare un artista di rakugo?
  • Oda: Non ci ho mai pensato. Anche se mi piaceva il rakugo, ero anche appassionato di disegno, quindi volevo diventare un fumettista. Da quando sono diventato fumettista, ho notato che i trame di varie storie erano naturalmente radicate in me, e a quel punto ho pensato: ‘Forse la mia passione per il rakugo è stata utile?’ Non lo ascoltavo pensando che sarebbe stato utile in futuro.
  • Quindi, la passione per il rakugo potrebbe aver aiutato nella creazione delle storie?
  • Oda: Sì, esatto. Sia i rakugo antichi che i film e i drammi storici sono così; ciò che viene chiamato ‘classico’ sopravvive mentre le novità vengono scartate, quindi quasi tutto ciò che guardo è interessante. Penso che la ragione per cui non esaurisco mai storie o idee sia perché conosco molte di queste opere. In più, cerco di incorporare anche le novità… ma è difficile utilizzarle. Ad esempio, se propongo qualcosa di nuovo, la gente potrebbe dire ‘lo conosco’. Ma le cose vecchie sono come le fiabe, tutti le conoscono e sanno che sono interessanti. Aggiungendo vari elementi a quelle trame, si può creare una storia affascinante.
  • Parlando di classici, ho sentito che le piacciono anche i film storici giapponesi.
  • Oda: Sì, mi piacciono i film storici. C’è stato un periodo, quando ero studente delle superiori e poi dell’università, in cui guardavo intensamente i film, circa tre al giorno. Mi stancavo presto dei film moderni, così ho iniziato a cercare qualcosa di diverso, spostandomi verso opere di sottocultura e film più vecchi. In quel periodo, ho guardato molti film storici. Non so, c’è qualcosa nei vecchi film che rimane nel cuore, forse il modo in cui sono recitati o le battute. Forse mi piacciono le recitazioni esagerate, tipiche dei film storici. Dopo tutto, un’opera è una finzione e non bisogna vergognarsi di mostrarla in modo completamente cool. I vecchi film hanno recitazioni teatrali. Al giorno d’oggi, c’è la tendenza a recitare il più realisticamente possibile, come in un documentario, ma io preferisco le opere in cui le recitazioni sono esagerate e decisive. Quindi, l’effetto sonoro ‘don!!’ nei miei fumetti potrebbe essere simile a quello dei film storici. È un modo per dire ‘Guardate tutti qui!!’
  • Lei ha una radice inaspettata. Oda-san scrive anche testi con un ritmo molto piacevole. Legge molti libri, come romanzi?
  • Oda: No, non leggo molto. Ma amo la musica e tengo molto al ritmo delle parole. Per i giapponesi, le combinazioni di ‘5’ e ‘7’ in un testo sono molto ritmiche, quindi quando voglio che qualcosa sia letto velocemente, presto attenzione al ritmo 5-7-5. Questi numeri sono stati molto studiati. Non ho iniziato ad usarli perché lo sapevo, ma era qualcosa che ho sempre capito intuitivamente. Non l’ho sentito da nessuno, ma ho realizzato che questo ritmo era 5-7-5 e che lo stesso valeva per i dialoghi. Se una frase è troppo facile da leggere con un ritmo 5-7-5, a volte la cambio intenzionalmente. Sto sperimentando con queste cose. I lettori potrebbero non accorgersene, ma gli autori che sono bravi con i layout potrebbero farlo inconsciamente.
  • Ultimamente guarda cose come sketch comici o programmi di cabaret?
  • Oda: Li guardo molto. Amo M-1 Grand Prix e King of Kontos. Potrei non conoscere i nomi dei comici più di nicchia, ma ascolto i tornei per nuovi talenti alla radio, quindi potrei conoscere alcuni di loro.
  • Le gag comiche influenzano il suo lavoro nei fumetti?
  • Oda: Per quanto riguarda le gag, non c’è molta correlazione tra il cabaret e i fumetti. Il ‘riso’ nel cabaret funziona perché persone divertenti fanno cose ancora più divertenti, ma nei fumetti non funziona allo stesso modo. La ‘qualità’ del riso è un po’ diversa. Forse le gag esagerate, come quelle di Drifters o Yoshimoto Shinkigeki, sono più vicine al tipo di umorismo nei fumetti, nel senso che sono facilmente comprensibili per i bambini.
  • Lei ama anche la musica, giusto? In BBS (pagina 88) abbiamo evidenziato le canzoni che ascolta mentre scrive. Ci sono altri artisti che sta seguendo?
  • Oda: È difficile scegliere perché presto attenzione a molti artisti diversi, ma tra i nuovi artisti mi piace particolarmente ‘Genius Band’. Le loro canzoni hanno un’atmosfera rilassata e senza sforzo che mi piace.
  • Come scopre i nuovi artisti? Qualcuno glieli consiglia o li cerca da solo?
  • Oda: Personalmente, ottengo molte informazioni dalla radio. Ascolto una canzone alla radio e penso ‘Che canzone è questa?’ e inizio ad ascoltarla. Ho sempre ascoltato molto la radio.
  • Per inciso, se potesse incontrare chiunque senza limiti di genere, chi vorrebbe incontrare di più?
  • Oda: Beh, ho già incontrato quasi tutti coloro che desideravo. Ah, ma se potessi incontrare chiunque, mi piacerebbe incontrare il regista Quentin Tarantino.
  • C’è una voce che dice che, quando era al liceo, ha detto ad un amico che veniva a giocare a casa sua, ‘Dovresti prendere il mio autografo, diventerò famoso’. È vero?
  • Oda: Non ho dato autografi. Potrei aver detto che sarei diventato famoso (ride), ma non ho specificato in che modo. Al liceo, non c’erano lezioni d’arte, quindi nessuno sapeva che sapevo disegnare. Disegnavo quando tornavo a casa. Indipendentemente dal fatto che ci fossero lezioni d’arte o meno, è sempre stato così, quindi nulla è cambiato.
  • Era già bravo a disegnare fin da bambino?
  • Oda: Da bambino, ho sempre disegnato. Potevo disegnare qualsiasi cosa. Avevo fiducia nella mia abilità di disegnare, quindi pensavo che avrei potuto diventare un fumettista. Ho sentito la realtà a circa 17 anni. Fino ad allora, pensavo che sarei facilmente diventato il miglior fumettista. Poi, a un certo punto, mi sono reso conto che ‘Ah, devo anche pensare alla storia’, che non era sufficiente solo disegnare (ride). Da bambino, comunque, disegnavo sempre cose che assomigliavano a fumetti. Disegnavo sui margini dei quaderni ogni volta che avevo un momento libero. Durante le lezioni d’arte a scuola, ho anche disegnato un drago nello stile di Akira Toriyama. Ma gli insegnanti d’arte non erano molto favorevoli ai disegni in stile manga. Fino ad allora avevo sempre avuto ‘5’ in arte, ma una volta ho ricevuto un ‘4’. Non riuscivo a capire perché un bel disegno non era apprezzato. Mi chiedevo qual era la differenza tra ‘manga’ e ‘arte’ secondo gli insegnanti (ride). Ero così immerso nel mondo dei manga.
  • Da bambino, ha anche giocato a calcio. Ha mai pensato di poter diventare un calciatore professionista?
  • Oda: Ero chiaro nel pensare che ‘non avrei potuto diventare un professionista’. C’erano molte persone intorno a me che giocavano meglio di me. Pensavo che l’unica cosa per cui ero fatto era essere un fumettista. ‘Come può qualcuno vivere solo disegnando fumetti ogni giorno?’, pensavo. ‘Non deve esserci un lavoro più facile di questo.’ La mia ispirazione venne leggendo un manga di Fujiko F. Fujio da bambino. Leggendo, ho realizzato che c’era qualcuno che viveva solo facendo quello. Ero sbalordito: ‘Ci sono adulti che non devono andare in ufficio e vanno bene così!’
  • Ha iniziato a disegnare fumetti seriamente intorno a quando era al liceo?
  • Oda: Sì, ho iniziato a disegnare seriamente fumetti durante il liceo. A 17 anni, ho inviato un lavoro chiamato ‘WANTED!’ al Tezuka Award di ‘Weekly Shonen Jump’, e ha raggiunto la semifinale. Quindi è da lì che è iniziato tutto.
  • Quando ha inviato ‘WANTED!’, non ha usato il suo vero nome, ma un pseudonimo, vero?
  • Oda: Sì, quando ho inviato ‘WANTED!’, ho usato lo pseudonimo ‘Tsukihimi’. L’ho inviato quando ero al liceo perché non volevo che i miei amici lo sapessero. Volevo dire loro che ero diventato un professionista solo dopo averlo fatto davvero. Non volevo diffondere la notizia quando ero in una fase intermedia, anche se avessi vinto un premio. Non volevo essere messo nella stessa categoria di persone che non avevano ancora raggiunto il successo. Volevo mostrare il mio nome su una rivista come un professionista e poi vantarmi di esso. Pensavo che in quel modo avrebbe avuto più valore. Ma ora che ci penso, avevo dimenticato tutto questo. Se avessi debuttato con lo pseudonimo, forse adesso sarei chiamato ‘Tsukihimi-san’ o ‘Tsukki’, che sarebbe stato difficile da pronunciare (ride).
  • Dopo ‘WANTED!’, ha pubblicato alcuni one-shot, giusto?
  • Oda: Dopo ‘WANTED!’, ho scritto ‘Present from God’, che è stato un errore di comprensione. Ho frequentato l’università a Orsomoto per un anno e l’ho scritto in quel periodo. Pensavo di averlo inviato per una pubblicazione speciale di ‘Weekly Shonen Jump’, ma in realtà era per ‘Monthly Shonen Jump Original’. Ho chiesto all’editore che mi aveva preso in carico se continuando così avrei potuto avere una serie su ‘Monthly Shonen Jump’, e mi ha detto di sì… Ma volevo assolutamente una serie su ‘Weekly Shonen Jump’, quindi ho deciso di riprovare. Avevo sbagliato fin dall’inizio. Ero davvero ignorante all’epoca. Poi ho scritto ‘Ikki Yako’, una storia su un monaco guerriero. Questa opera è stata selezionata per il premio ‘Hop ★ Step Award’, e finalmente ho raggiunto l’ingresso di ‘Weekly Shonen Jump’. Dopodiché, ho avuto un editor di Jump e ho continuato a disegnare one-shot mentre lavoravo come assistente.
  • Quando era un principiante, cosa le dicevano gli editor?
  • Oda: Ci sono state molte occasioni e mi è stato detto di tutto, ma soprattutto mi dicevano di ‘rendere i personaggi più forti’. Anche se mi dicevano di rendere i personaggi più forti, all’epoca non capivo davvero cosa significasse. Ora lo capisco. Dire a un principiante che ‘non sa creare personaggi’ non è qualcosa che si può spiegare a parole, deve essere sentito ‘sulla pelle’. Molti principianti nel mondo del manga sono un po’ strani, quindi il consiglio più semplice è ‘disegna te stesso!’ e poi disegna amici interessanti. All’inizio questo potrebbe essere il modo più rapido. Prima di ‘ONE PIECE’, quando ho disegnato ‘ROMANCE DAWN’, pensavo di aver capito Luffy, ma poi mi dicevano ‘questo personaggio è troppo calcolatore’. Forse c’era troppo dell’autore nelle mie storie. All’inizio, pensavo di aver capito Luffy, ma lo stavo forzando a fare cose. Era come se lo spingessi dicendo ‘Andiamo!’. Non era naturale. Gli editor, ma anche i senior quando ero assistente, mi hanno parlato molto dei personaggi.
  • Lei era il più giovane quando era assistente?
  • Oda: Sì, ho lasciato l’università dopo un anno, quindi ero decisamente il più giovane. A quel tempo, molti completavano l’università prima di entrare in questo campo, quindi ero quasi sempre il più giovane ovunque andassi.
  • Aveva rivali quando era assistente?
  • Oda: Avevo rivali, e sono ancora amici, ma quando ero nell’atelier di Watsuki-sensei, ricordo di essere rimasto sorpreso da quanto fosse bravo Hiroyuki Takei. Parlavamo delle storie che stavamo disegnando e lui mi mostrò i suoi disegni, erano incredibilmente buoni. ‘Questo ragazzo è incredibile’, pensai. A quel tempo, parlavamo molto di manga.
  • Prima di debuttare, c’è stato qualche errore o incidente memorabile?
  • Oda: Non me lo ricordo affatto, ma… Durante una cerimonia di premiazione del Tezuka Award o qualcosa del genere, quando ero ancora un principiante, sembra che abbia detto a Motomiya-sensei: ‘Lei sa, i suoi manga sono davvero interessanti’. Non avevo cattive intenzioni, ma apparentemente ho detto questo con leggerezza e ho fatto impallidire tutti intorno a me.
  • Quello è un vero spirito da principiante.
  • Oda: Fortunatamente, Motomiya-sensei non si è arrabbiato, ma in seguito ho sentito spesso da altri che ‘Tu hai detto questo e tutti intorno a te si sono spaventati’. Non me lo ricordo affatto. Ma, pensandoci ora, ero davvero scortese all’epoca.
  • I suoi commenti sui volumi dei fumetti sono sempre ricchi di argomenti e divertenti.
  • Oda: Grazie. Ci penso molto perché so che la gente se lo aspetta. Cerco di scrivere cose leggere. Riguardo ai fumetti, ho molti ricordi da bambino. Una volta ho visto un autore parlare delle sue difficoltà in una sezione del genere e ho pensato di non voler scrivere cose simili. Pensavo che le storie di sofferenza fossero irrilevanti. Anche se scrivi delle tue difficoltà, i lettori non capiranno. Quindi ho pensato che fosse meglio non trasmetterle. Al contrario, volevo concentrarmi completamente sul divertimento. È meglio che i lettori si divertano piuttosto che sentirsi tristi.
  • Ha un grande spirito di servizio. Risponde attentamente anche alle richieste dei lettori nel suo Q&A, le SBS.
  • Oda: Ricevo richieste di vari tipi, come ‘disegna la mia infanzia’ o ‘disegna una versione di genere opposto del personaggio’. Inizialmente, rispondevo a queste richieste in modo leggero, ma poi Bandai ha iniziato a pianificare i prodotti (ride). ‘Devo davvero disegnarli così seriamente!?’ ho pensato, e da allora ho iniziato a sentirmi nervoso (ride). Ma in realtà, voglio solo giocare. Quando qualcuno dice ‘disegna questo’, voglio rispondere ‘va bene’. È come il modo in cui mi comportavo con i vecchi amici. Non penso che i miei disegni abbiano un valore speciale, come ‘questa linea vale tanto’. Voglio essere il ‘fratello maggiore del quartiere’ che disegna facilmente. Ora sono diventato più un ‘vecchio del quartiere’ (ride), ma va bene essere un vecchio appassionato di disegni del quartiere. Voglio continuare a rispondere alle richieste folli dei bambini come un vecchio divertente e affabile.
  • Capisco perché la sua sezione degli autori è così divertente. Grazie. Per concludere, potrebbe parlare un po’ dei futuri sviluppi del manga?
  • Oda: Senza specificare quando, ma alla fine scriverò sul Paese di Wano, quindi aspettatevelo. Ci sono molti nuovi personaggi che voglio disegnare. Sono bravo a creare personaggi, ma se ne creo troppi, diventa difficile gestirli. Quindi, al momento sto aggiungendo e rimuovendo personaggi. Pianificare le storie future è divertente perché non ci sono responsabilità. Questo potrebbe essere il periodo più divertente. In ogni caso, appariranno molti personaggi e sarà eccitante, quindi aspettatevi grandi cose. E poi, se non lo dimentico, potrei cercare di disegnare più ‘pirateria’. Dopotutto, anche se sono pirati, mi sono reso conto che spesso combattono a terra in ‘ONE PIECE’. Il mare è difficile. Utilizza molti frame per le descrizioni. Ma vorrei provare a disegnare anche questo. Può cambiare, però (ride).
  • Interessante. Grazie per questa conversazione approfondita. Questo conclude le nostre domande per questa edizione. Grazie per il suo tempo.

Related Posts