Intervista ad Eiichiro Oda (2017) – One Piece MAGAZINE Vol. 01

da Gabriele "Il Re" Bertoloni
580 visualizzazioni
  • ONE PIECE ha raggiunto il suo 20° anniversario di serializzazione. Congratulazioni. In occasione di questo anniversario, vorrei farle alcune domande, Oda-san, che non sono solitamente oggetto di intervista. Spero possa rispondermi.
  • Oda: Grazie, mi fa piacere partecipare.
  • Immagino che scrivere un manga settimanale sia molto impegnativo, ma dalle sue note editoriali sembra che lei abbia un sacco di argomenti di cui parlare. Come trova il tempo per assorbire tutte queste informazioni diverse?
  • Oda: Durante le pause dal lavoro sui manoscritti, mi piace guardare nuovi prodotti. È un modo per distrarmi.
  • Giocare ai videogiochi fa parte di questo?
  • Oda: Non conosco molto i giochi, ma chiedo al mio staff di giocarci. Dico loro di comprarli con i soldi dell’ufficio, l’importante è che mi mostrino sempre nuove immagini. Così, guardando lo staff giocare nei tempi morti, capisco cosa va di moda al momento. È importante tenersi aggiornati sulle tendenze.
  • Preferisce guardare opere più recenti o si dedica anche ai film più vecchi?
  • Oda: Guardo anche film vecchi. Tendo a vederli quando ho più tempo libero. Ma la mia priorità è guardare le nuove uscite. Dato che sono anch’io un autore, a volte non riesco a godermi i film in modo puramente spensierato. Spesso li guardo con un occhio critico, pensando ‘”Ecco cosa il pubblico trova interessante al momento”. Se trovo qualcosa di divertente, mi chiedo perché lo sia. Analizzare la struttura di un’opera e capire come è stata costruita è parte del divertimento per me. Non lo faccio per lavoro, ma trovo soddisfacente scoprire questi elementi e incorporarli nel mio lavoro.
  • Oltre ai film, ci sono altre cose che catturano la sua attenzione?
  • Oda: In generale, mi piacciono i documentari. Le opere di finzione hanno i loro limiti, ma i documentari mostrano azioni e eventi che sono imprevedibili e che le persone non possono nemmeno immaginare, il che li rende interessanti.
  • Guarda i documentari trasmessi in televisione?
  • Oda: No, non sono molto informato riguardo ai documentari televisivi. Ultimamente preferisco quelli che posso guardare su internet in qualsiasi momento. Mi piacciono sia i giochi che i film, e cerco di tenermi aggiornato perché altrimenti non saprei cosa è di tendenza. È cruciale rimanere al passo con i tempi, specialmente per le cose nuove, quindi faccio uno sforzo per vederle per primo. Chiedo anche al mio editor quali sono le tendenze attuali e cosa è interessante, e controllo ciò che mi suggerisce. Inoltre, ho giovani assistenti nel mio team che mi aiutano con i manoscritti, quindi a volte chiedo a loro. Ecco come mi tengo aggiornato.
  • Le piace parlare con lo staff più giovane?
  • Oda: Sì, è divertente ascoltare i racconti dello staff più giovane, quelli nella ventina. Il personale che è con me da molto tempo, invece, è come essere una vecchia coppia sposata; ci capiamo anche senza parlare, quindi non c’è molto di cui discutere (ride). È diventata quasi una relazione silenziosa. Se voglio scoprire qualcosa di nuovo, mi rivolgo ai giovani.
  • Tra il sonno e la raccolta di informazioni, a cosa dà priorità?
  • Oda: Do la priorità alla raccolta di informazioni. Fondamentalmente penso che dormire sia uno spreco di tempo. Vorrei quasi diventare una persona che non dorme, o addirittura un robot (ride). Quando il lavoro inizia a prendere sempre più tempo, ci sono così tante cose che voglio fare che mi sembra uno spreco dedicare tempo al sonno. So che molte persone sono preoccupate per me, ma in realtà non mi piace molto dormire (ride). Ho vissuto così da quando il lavoro è diventato più impegnativo e ho avuto meno tempo. Penso che sia meglio dormire quando il corpo raggiunge il suo limite, ma finché ho energia, mi sembra uno spreco. Quindi, anche quando vado in vacanza con la famiglia durante le vacanze di Capodanno, preferisco non dormire molto.
  • Quando disegna edifici o veicoli, pensa a tutta la struttura interna e a dettagli minuziosi, vero?
  • Oda: Sì, quella parte del lavoro richiede molto tempo. Non mi piace disegnare paesaggi che non trovo interessanti, ma pensare a tutta la struttura richiede molto tempo. Questo è probabilmente il lavoro che richiede più sforzo e che meno spesso viene notato dai lettori (ride). Anche se i miei assistenti li disegnano, loro non si occupano dell’ideazione, quindi devo creare la maggior parte dei design io stesso prima che facciano la loro prima apparizione. C’è una certa frustrazione nel sapere che questi sforzi non vengono sempre notati dai lettori. Tuttavia, ci sono lettori che lo apprezzano, e questo mi rende felice.
  • Effettivamente, nonostante il lavoro che ci mette, forse poche persone prestano attenzione ai dettagli dei fondali.
  • Oda: Tuttavia, il fondale è anche una fonte di informazioni e gioca un ruolo fondamentale nella creazione dell’atmosfera. Quindi, anche se i lettori non se ne rendono conto consciamente, le immagini entrano nei loro occhi. E va bene così. Se il fondale è disegnato male, può distrarre, mentre se è fatto bene, anche se non viene notato consciamente, entra nella mente dei lettori come informazione. Quindi penso che stia svolgendo il suo ruolo.
  • Alcuni mangaka delegano la realizzazione dei fondali o il design dei personaggi secondari ad altri, ma ho sentito che lei disegna tutto da solo.
  • Oda: Disegno personalmente tutti gli esseri umani e ogni cosa vivente o in movimento. Per quanto riguarda i fondali… ultimamente, poiché gli elementi fantastici sono più forti, spesso non ho riferimenti da usare, allora passo ai miei assistenti varie risorse come “Il tetto di questo edificio in questo paese può essere utile” e li faccio combinare e disegnare insieme. Così, anche se non faccio tutto da solo, sono molto coinvolto nel processo.
  • Queste risorse e riferimenti li prepara in anticipo, pensando alle saghe future?
  • Oda: A volte lo faccio consapevolmente, pensando “Sto per lavorare su questo tipo di serie, quindi dovrei raccogliere foto simili in anticipo’. Altre volte inizio a raccogliere le foto dopo aver definito con precisione le impostazioni. La raccolta delle foto non la considero tanto un lavoro quanto più un hobby. Dopotutto, disegnare manga è per me come un gioco (ride).
  • In che senso “disegnare è come un gioco”?
  • Oda: “Quando è difficile, lo chiamo “lavoro”, ma se penso al fatto che non mi accumulo stress, probabilmente è mentalmente più facile per me rispetto ad altre persone. Sono sicuro che non morirò mai di troppo lavoro. Non mi accumulo stress. Lo stress arriva quando ho altri lavori che entrano e mettono sotto pressione il tempo dedicato al manga. Se non fosse per quello, fare manga è davvero divertente. Dico sul serio.
  • Sono sorpreso. Considerando la precisione dei tuoi disegni, immaginerei che le sue mani possano diventare molto doloranti.
  • Oda: “A proposito di questo, non mi si formano mai calli. Le mie mani sono piuttosto morbide. Non sono mani tipicamente maschili, sono più come un “pugno flessibile”. Forse hanno una certa flessibilità. Dovrebbero essere abbastanza utilizzate, ma stranamente non si formano callosità.
  • Come mangaka… sembra che lei abbia avuto un’evoluzione, in un certo modo (ride).
  • Oda: “Non saprei. Potrebbe essere (ride). In realtà, sarebbe stato più fico avere mani grosse e callose, lavorando duramente con le mani fasciate. Inoltre, non ho mai avuto tendiniti.
  • Questo è davvero incredibile.
  • Oda: Beh, non lo so. Forse un giorno avrò dei problemi. Per ora sto bene. Mi prendo cura di collo e schiena con la chiropratica.
  • Ascoltando le sue parole, sembra che uno dei motivi per cui è riuscito a continuare la serializzazione per vent’anni sia che non accumula stress sia fisicamente che mentalmente.
  • Oda: Non so se ritenermi privilegiato, ma non è così anche per gli altri mangaka? Se devo essere onesto, penso che siano gli editor a essere più sotto stress.
  • Si riferisce agli editor a cui è assegnato?
  • Oda: Sì, esatto. Di solito, indirizzo tutte le mie domande agli editor e lascio a loro il compito di risolvere qualsiasi cosa che potrebbe diventare stressante per me. Ho detto seriamente agli editor assegnati a me che non mi importa se si distruggono per “ONE PIECE”‘ (ride). In cambio, ho anche detto che se diventassero incapaci di lavorare a causa di malattia o infortunio, mi prenderò cura delle loro famiglie (ride).
  • Sono parole gentili ma anche un po’ spaventose. Si può intuire quanto sia difficile la produzione di ‘ONE PIECE’ (ride).
  • Ha paura che un giorno potrebbe improvvisamente non riuscire più a trovare idee?”
  • Oda: “Non ho molta paura di quello. Penso di potercela fare. So che se persisto, alla fine ce la farò, quindi diventa solo una questione di lottare contro il tempo.
  • C’è sempre un limite di tempo.
  • Oda: Certo, ma è perché c’è un limite e sono sotto pressione che riesco a fare il mio lavoro. È strano, ma è così. Ad esempio, se avessi tutto il tempo del mondo e potessi disegnare manga in modo rilassato, non sono sicuro che sarei in grado di creare qualcosa di interessante… non potrei proprio. Ho bisogno di stabilire una scadenza per ogni cosa e di completarla una alla volta.
  • Considerando che tante persone hanno grandi aspettative su di lei, la pressione che sente deve essere enorme, no?
  • Oda: In realtà, non sento molto la pressione. Penso che sia una questione di atteggiamento. Ora, ONE PIECE si è espanso in vari media, e penso che ognuno faccia il suo, dando prestigio al mio manga e facendo ciò che può. Ma c’è una certa irresponsabilità da parte mia, nel senso che, anche se tutto dovesse crollare all’improvviso, non mi interesserebbe nulla al di fuori dell’opera originale. Non porto tutto sulle mie spalle. Allo stesso tempo, ho un buon rapporto con lo staff dell’anime, quasi come se fossimo compagni, ma non ho intenzione di vivere portando la vita di tutti sulle spalle, e se non va bene, va bene lo stesso. Lo faccio con un atteggiamento rilassato. In realtà, se una singola opera di intrattenimento fallisce, non impatterebbe molto sul mio lavoro.
  • Sa, penso che molti fan sarebbero scioccati se “ONE PIECE” finisse…
  • Oda: “Come posso dire… per esempio, quando si verificano grandi disastri, un mangaka non è che possa fare molto. Non possiamo preparare viveri, non produciamo vestiario, né possiamo fornire un posto dove vivere. Alla fine, penso che ciò che facciamo sia solo un extra alla vita di tutti i giorni…”
  • Dopo il grande terremoto del Tohoku, ha disegnato un’illustrazione di incoraggiamento, no?
  • Oda: Sì, in quel senso, a volte posso essere di aiuto, ma mostrare un disegno a qualcuno che ha fame mica lo sfama. Alla fine, non c’è molto che io possa fare. Questo è quanto poco profondamente penso ai fumetti: sono solo letture occasionali, che si aspettano ogni settimana… è questo ciò che provavo da bambino, questo è ciò che il manga è per me. Non è niente di più che intrattenimento.
  • Allora, perché si dedica così intensamente al manga?
  • Oda: Perché se si tratta di creare un’opera, ho tanta passione. Non penso davvero a nient’altro. Ora è un periodo di pace, quindi penso che ci possano essere persone che si dedicano alla creazione di intrattenimento con tutte le loro forze. Pensandoci in modo così semplice, non mi stresso. Forse in passato ci pensavo troppo seriamente.
  • Di quale periodo sta parlando?
  • Oda: Sto parlando dei miei vent’anni. Ero troppo appassionato, davvero (ride). Quando lavoravo ai manoscritti, pensavo seriamente a cose tipo “Anche se i miei genitori morissero, non andrei al loro funerale”. Il manga era la cosa più importante per me. Ora, ripensandoci, sembravo una persona inumana e folle. Ma credo che sia grazie a quel periodo se sono qui oggi. Tra i trenta e quarant’anni ho iniziato a pensare di prendere le cose un po’ più alla leggera, per non sprecare quell’esperienza passata.
  • Con le SBS e l’inserimento di elementi come Pandaman, sembra che lei adori giocare con il suo pubblico.
  • Oda: Sì, assolutamente. Mi diverte vedere le persone divertirsi. Questa è la mia natura di base.
  • È sempre stato così anche nella vita di tutti i giorni?
  • Oda: Sì. Mi piace far ridere le persone e non mi piace vedere volti tristi. È sempre stato così.
  • “Quindi, nel disegnare manga, si avvicina con lo stesso atteggiamento.”
  • Oda: “Esatto. Alla fine, ricevo qualcosa in cambio, e mi fa piacere essere lodato. Fondamentalmente, penso che il mio approccio sia lo stesso di quando ero bambino. Disegnare qualcosa e essere lodato da genitori o amici, sentirsi felici per questo. Anche oggi, è una continuazione di quello. Anche se il mio lavoro diventa un successo, ciò che viene richiesto diventa solo più grande, ma la sostanza non cambia. Se riesco a disegnare qualcosa di interessante, sono felice di essere lodato, e se non riesco, mi aspetto una brutta reazione.”
  • Ha scritto sceneggiature per film e ha esplorato la grafica digitale. Ha l’immagine di qualcuno che si cimenta in molte sfide diverse. Al di fuori del manga, c’è qualcosa che la interessa o che vorrebbe provare?
  • Oda: Ho avuto l’opportunità di fare praticamente di tutto, e ora mi trovo in un territorio sconosciuto. Ho già fatto la maggior parte delle cose che gli autori di successo hanno fatto in passato. Quindi, cosa dovrei fare ora? Quello che mi serve è un “obiettivo da raggiungere”. Attualmente mi trovo in una situazione un po’ complicata perché non ho predecessori da inseguire. Se ci fossero stati autori ancora più di successo nel passato, avrei potuto seguirne le orme, ma in termini di numeri sono diventato il numero uno, quindi mi chiedo “Cosa dovrei fare ora?”. Quando non so cosa fare, penso semplicemente a creare qualcosa che i lettori di questa settimana troveranno interessante. Ma avere un grande obiettivo dà sicuramente più motivazione.
  • Quindi punta sempre ad essere il migliore.
  • Oda: Se c’è un obiettivo, chiunque si sente motivato, no? Ma non nego che ci sia una certa difficoltà nel superare molte cose. Tuttavia, mantenere il livello attuale è in realtà molto difficile. Se non ci fosse l’intenzione di migliorare la qualità, non si potrebbe nemmeno parlare di mantenimento.
  • E dall’altra parte, è consapevole di essere un obiettivo per i giovani autori?
  • Oda: Sì, vorrei davvero aiutare i giovani. Sto tifando per i giovani mangaka che vengono da me, sperando che abbiano successo.
  • Ci sono mangaka che, guardando i suoi fumetti, pensano ”Non si può andare a risparmio nel disegnare un manga”. Vedendo Eiichiro Oda mettere così tanta attenzione ai dettagli, sentono di dover lavorare ancora più duramente.
  • Oda: Il mio approccio non è tanto ”non risparmiarsi”, quanto piuttosto essere meticoloso. Come ho detto prima, gli sfondi nascondono una quantità di informazioni. Inoltre, i personaggi non fanno che aumentare. Se continuo a dividere le vignette come facevo prima, la storia non progredirebbe. Così, i disegni sono diventati sempre più condensati. Se voglio avanzare anche solo un po’, devo condensare le informazioni in ogni singola vignetta. Quindi, le immagini diventano inevitabilmente molto dense. In realtà, vorrei poter disegnare in modo più rilassato. Anche nelle scene di battaglia, se potessi disegnare un capitolo solo per due settimane, sarebbe possibile inserire immagini davvero belle, ma al massimo posso dedicarci una settimana. Inizio a fare calcoli su quanti combattimenti concludere in quante settimane per terminare la serie… e ora che il finale è alle porte, sento di non avere abbastana pagine a disposizione. Mi trovo sempre a pensare che non ne ho abbastanza.
  • Anche nella fase dei bozzetti, le scene vengono tagliate?
  • Oda: Sì, taglio molto. Di solito, sono le scene meno importanti che vengono eliminate. Sono parti che non contano molto (ride). Ma in passato, quando avevo più tempo, potevo permettermi di includere più di queste scene superflue. Non pensavo che avrei mai avuto una carenza di pagine, quindi disegnavo più liberamente, pensando che c’era molto tempo davanti a me.
  • Guardando i dettagli nei suoi disegni, spesso si scopre che sono preludi o indizi per sviluppi futuri.
  • Oda: È più un gioco, sai? Mi distraggo facilmente. Anche mentre disegno la trama principale, penso a molte altre cose e finisco per giocare con idee tipo “sarebbe divertente se accadesse questo!”, includendole nei disegni.
  • I lettori si divertono a scoprire questi dettagli.
  • Oda: Ma sai, ultimamente ne sto pure saltando parecchi. Il motivo è che la mia vista sta peggiorando e non riesco più a vedere bene i disegni dettagliati (ride). Quando ero più giovane e la mia vista era migliore, pensavo che sarebbe stato uno spreco non giocare con questi dettagli. Ma ora che vedo i disegni dettagliati come qualcosa di sfocato, penso che non sia più così importante.
  • Continuerà a includere Pandaman nei suoi lavori?
  • Oda: Ci sono persone che amano cercarlo come se fosse un hobby, quindi lo inserisco quando ci penso. Però la frequenza potrebbe essere diminuita un po’.
  • Ha bene in mente tutte le ambientazioni del mondo di ‘”ONE PIECE”?
  • Oda: Per i dettagli, devo guardare i miei appunti. Sono troppi e ci sono molte linee narrative da tenere traccia, quindi non riesco a ricordare tutto.
  • Al di fuori del manga, c’è qualcosa di recente che l’ha resa felice?
  • Oda: Sono riuscito a prendere un po’ di tempo libero e ho iniziato a fare viaggi all’estero una volta all’anno. Questo è qualcosa che mi piace.
  • Dov’è stato di recente?
  • Oda: Sono andato a Singapore per il Capodanno, tra gli altri posti. Ma di solito vado in posti caldi come Guam o le Hawaii. Finché posso rilassarmi con la mia famiglia, in realtà mi va bene ovunque.
  • Se la serializzazione finisse, dove vorrebbe andare?
  • Oda: “Vorrei fare un viaggio intorno al mondo. Voglio vedere tutto. Ci sono molti posti che vorrei visitare, come l’India e altre parti dell’Asia. Vorrei anche visitare alcuni siti del patrimonio mondiale che mi richiederebbero di essere un po’ più giovane, o posti in quota. Ho valutato pure di prendermi una pausa dalla serializzazione per farlo. Mi chiedo se ci siano restrizioni di età, tipo ”Non puoi andare in questo luogo se hai più di una certa età”. Si invecchia così rapidamente. Vorrei vedere molti posti prima di compiere cinquant’anni.
  • C’è un posto in particolare dove vuole assolutamente andare?
  • Oda: Uh, non sono sicuro. Per il momento, non ho alcun interesse ad andare nello spazio. Mi sembra troppo rischioso. Se fosse sicuro, allora, forse, ma correre rischi è qualcosa che lascio al manga (ride).
  • Allora, qual è la cosa che desidera di più in questo momento?
  • Oda: Cosa desidero… uh, che cosa potrebbe essere? Una casa sul fondo del mare, forse. Sembra che ci sia un progetto di costruzione di qualcosa del genere a Dubai. Ci sono già hotel dove puoi vedere i pesci dalla finestra della tua stanza. Mi piacerebbe andarci. Certo, se costruissi davvero una casa sotto il mare, ci sarebbero molte scomodità, immagino.
  • Ovviamente ama il mare, giusto?
  • Oda: In realtà, sono salito su una barca a vela solo una volta e ci sono molte cose che non conosco sul mare, ma proprio per questo lo trovo affascinante. Sono nato nel Kyushu, ma sono cresciuto principalmente in montagna. Quindi, fin da bambino, ho sempre avuto un’ammirazione per il mare. Mi piace anche la neve. Nel Kyushu, la neve è rara, quindi anche quella è un sogno. La trovo molto bella. Se fossi cresciuto in una regione nevosa, non so se troverei la neve altrettanto affascinante. La vera neve richiede spalature e altre cose difficili. Forse è perché non lo conosco che la mia “immaginazione” lavora così. Sia la neve ideale che il mare ideale, penso che entrambi siano molto belli.
  • Il suo mondo di immaginazione è meraviglioso. Grazie per il tempo che ci ha dedicato. Questo conclude le nostre domande per questa edizione. Grazie ancora e a presto.

Related Posts