One Piece 1075: assassinio sull’Egg Express, ‘how i met Cronenberg’, l’effetto Kanjuro

da Stefano 'Cenere' Potì
4877 visualizzazioni

Pochissimi di noi sono quello che sembrano.”

– Agatha Christie, L’uomo nella nebbia

Giallo deduttivo.

Salve genti, nuova analisi, capitolo 1075: Indovina Chi?

E si, da scrittore (appena letto il titolo del 1075) pensavo ad un intro evocativo: I mille volti o magari Ai confini del buio.

Ma ‘dde che?

Indovina Chi? È perfetto.

Sia chiaro, stavolta si, ci troviamo davanti ad un capitolo transitivo, che pone solamente quesiti e misteri. Ma, indovinate?
Ci sono motivazioni ben precise.

Al netto delle quali ci sono tanti punti su cui riflettere. Da interpretare. Mutamenti di significato, direbbe lo straordinario Gian Luigi Beccaria. Iniziamo a dipanare la matassa, è il momento dell’Elzeviro

Casino Royale 106

‘Chi sei tu che tormenti la mia mente sgombra nascosto nell’ombra…

… non mi puoi uccidere perché io vivo in te, tu vivi in me

Io vivo in te, tu vivi in me’
– Caparezza, Dualismi

Calza, vero?

Questo è uno dei nodi nevralgici del capitolo, o meglio, una delle possibilità. Il dualismo della natura umana. Secondo la letteratura speculativa questo capitolo ha un compito ben preciso: esprimere il grado di rispecchiamento tra realtà e resoconto.

Ne parlo nell’Elzeviro perché fa il paio con la mini-avventura. Facciamo chiarezza. Come abbiamo ipotizzato con Il Mala mercoledì scorso (seguiteci nelle live spoiler, o vi perdete queste chicche!) il capitolo 1074 era la chiusura del Volume 106, va da sé che il 1075 sarebbe il primo del 107. Perché? Perché è narrativamente coerente. Il 1074 si chiudeva con:

  • l’inizio del flashback di Orso, con uno splendido parallelismo padre (la scalata) figlia (la scoperta della verità)
  • l’evento storico di uno dei 5 Astri che entra in gioco attivamente
  • il sibillino gesto di Morgans, che richiama inconsciamente una possibilità di Orso. Il giornalista vuole la verità. Rovesciare l’ordine costituito. La verità è l’anonimato di Imu-sama. Come interrompere il suffragio silenzioso in One Piece? Rivelandone l’esistenza. È l’arco finale, i tempi sono propizi. Ergo? La migliore vendetta di Orso sarebbe: fare qualcosa per gli schiavi, e dare indizi dell’esistenza di questa eminenza grigia. Orso è legato a VP, e quest’ultimo non detiene forse tutto il sapere (come i Giganti, grazie ai libri) di Ohara? Quindi è quantomeno plausibile. Gli ultimi capitoli sono stati nitroglicerina

Tutto questo (riprendendo il discorso) fa capire quanto sia sensato che il 1074 fosse la chiusa del Volume 106. Molto più di quest’ultimo, utile alla ricerca di un colpevole, l’analisi dell’identità delle persone sospettate.

Questa copertina, all’apparenza ilare, ha un non so che di sinistro, non trovate genti?

Checché se ne dica: VP è felicissimo di esser lì. Come ho detto nella live spoiler, questo non stride con le informazioni di cui siamo in possesso?

I MADS – come dice il manga – furono: arrestati, sciolti, divisi. Ma, come mai gli altri tre non sono finiti ad Impel Down? Perché lasciare a piede libero tre pericoli pubblici? Tre individui geniali, con grandi competenze ed un debole per l’anarchia?

Che sia questa la pura e semplice verità? Come VP disse (placidamente) a Dragon, in Marina veniva capito, incoraggiato, finanziato: il sogno di ogni ricercatore. Che semplicemente abbia abbandonato i MADS? È plausibile. Per due motivi:

  • come già espresso, gli altri tre sarebbero stati ingaggiati o finiti a ID, e da lì usciva solo Kaido o una super alleanza pirata
  • Judge-boy, e si, ha fondato il Regno di Germa, che come sappiamo era affiliato al Governo Mondiale, già, perché godeva di tutti i privilegi concessi: tipo partecipare al Reverie. E, quando finisce il sodalizio? Quando vuole legarsi a Big Mom tramite il matrimonio di Sanji. Ma prima i rapporti con il GM erano un idillio. Di certo non quelli di chi ti dà la caccia

È solo plausibile, eh. Non sono l’autore e possono esserci svariate interpretazioni. Solo, mmmh… vedremo daje. Ad ogni modo. Quando riceve il premio gli altri tre rognano forte, ed è una chiara commistione di invidia e disapprovazione. Ci sono due possibilità a questo punto:

  • come molti geni il carattere di VP è naive, ossia ha quella ingenuità e leggerezza di molti artisti/creatori
  • VP ho a un lato quantomeno sinistro, guarda caso ora è invisibile alle telecamere. Ricordate 7 Anime, con Will Smith (Ben Thomas)? Ricordate cosa dice ad uno dei 7 che sceglie?

George Ristuccia – ma, perché? Perché fai questo per me?

Ben Thomas – perché sei un brav’uomo… e lo sei anche quando non sai di essere osservato

Ecco il punto. È semplicemente plausibile. Da qui due possibilità:

  • o il sensei ci sta palesemente depistando, anche con una copertina specifica
  • oppure è quantomeno vero il detto: genio e follia

Un semplice elemento esterno di trama, perché (come ho già scritto) in ogni caso VP non è un santo. Vi ricordate la breve introduzione del precedente articolo? La parentesi sui Mad Doctor. Una parte della personalità persa tra il Dr Serizawa di Godzilla (1954), e il professor Barnhardt di Ultimatum sulla terra (1951). Fino ad arrivare a Carpenter e al terrificante Seth Brundle de La Mosca, apice dell’inarrivabile Cronenberg.

Per il genio di VP potrebbe valere lo stesso. Un conto è cosa pensi di essere, un’altro cosa dici di essere.

Tutt’altro cosa sei veramente.

O magari, rimpicciolito, è finito in un piffero di tubo e bon. Chi lo sa! Beh, si è capito che c’è tanto di cui parlare. Perché vediamo relazione di sintassi nelle tematiche morali di Egghead. Come di scrittura parallela nelle sue vicende (Orso e Bonney). Lo faremo punto per punto, ricordandoci la seguente citazione, stampatela nella mente, prima di profilare ipotesi (è il mio metodo):

‘Tutto deve essere preso in considerazione. Se i fatti non si adattano alla teoria, lascia perdere la teoria.’

– Agatha Christie, Il misterioso affare di Styles

Signore, signori: capitolo 1075…

10 piccoli Mugi

‘Hai dato troppo sfogo alla tua immaginazione. L’immaginazione è un buon servitore e un cattivo padrone. La spiegazione più semplice è sempre la più probabile.’

– Agatha Christie, il misterioso affare di Styles

Allora, ispirati dall’immensa Agatha, si parte decisi. Non possiamo negare che (anche se non una bomba di trama) il capitolo abbia una bellezza intrinseca, un logica consistenza interna.

Shaka in consolle sembra sempre di più uno dei Daft Punk. Solo che qui si viaggia, come diceva il Re, in un’atmosfera alla Stevenson, e come diceva Il Mala (tra organi artificiali, e richieste di essere cani-umani) richiama vagamente La Cosa di Carpenter. A me è venuto in mente a più riprese Cronenberg. Ok, si è capito che il 1075 ha un non so che di sinistro.

Ci piace? Si. Ci piace.

L’esplosione in una parentesi piuttosto pratica li stupisce. In via del tutto oggettiva la classica ombra Madonna-mia-non-sapete-chi-sono mette fuori uso le telecamere. In maniera del tutto fantascientifica Luffy ha un pensiero razionale e va a controllare. Un pensiero intelligente, genti. E poi dicevate che non c’era il colpo di scena!

Ok, torno serio (si, si, come no).

Ora c’è una piccola meraviglia, come presagito da molti, la suddivisione in squadre tra satelliti e Mugi. Dieci piccoli indian… ehm, Mugi. Beh, allora suddividiamo le squadre con piccoli omaggi al giallo deduttivo, no?

Verso l’ora Zero

Chiaramente la squadra Luffy-Shaka. La scala matematica dell’intelletto umano, da una parte il capo dei satelliti, alfiere di VP, una persona fredda, determinata, pragmatica. MacGyver gli spiccia casa.

Dall’altra… beh, Luffy. L’uomo che non ha capito cosa siano un paio di semplicissime cuffie.

Ciò le voci in testa is the new ho i pugni nelle mani. Vabbè. Nelle loro interazioni (prima dell’attacco dei Seraphim), si evince un fatto di una semplicità disarmante. Qualcuno sta tagliando video e audio. O meglio. Qualcuno sta disattivando le comunicazioni a colpo sicuro. Sa esattamente dove andare, sa esattamente come fare. Per fare cosa? Beh. O vuole rallentare le comunicazioni per guadagnare tempo, oppure, ricordate Pythagoras che salta in aria? Ecco, oppure è un fan di Predator

‘ci… ci sta prendendo di mira uno ad uno… come i cacciatori’

Oggi sto di fantascienza. Anyway... Shaka ufficializza la presenza di un intruso, in un paragrafo stilerò le possibili identità di costui, almeno per logica, ora procediamo

Al Grand Metropolitan


Nami, Brook, Edison. Special guest, una fraccata di diamanti. Che Nami-girl si intasca bellamente (da qualche parte ridi come una pazza, vero Bellmere?). Edison dissente, cerchiamo Stella, ci rapini, eh , what’s happening? Al che Nami aggiunge ‘pesano! Meglio che torni indietro!’, e Brook rincara ‘tanto se ne stammo annà, te famo un favore pure’, al che Edison razionalmente: smadonna.

Prego, immagine di repertorio

Mille grazie, procediamo

I delitti della Rue Morgue

Robin, Chopper, Atlas. Qui, in questa stanza. Abbiamo non uno, ma tre picchi assoluti:

  • ingegneria genetica e clonazione a tutto spiano. VP è un santo tanto quanto io sono Babbo Natale. Questo non lo rende necessariamente malvagio. Tra l’altro, diversi di voi stanno pensando ‘beh, mica sevizia le persone’, e io rispondo, a no? Quegli organoidi vanno innestati su esseri viventi. Da qualsiasi angolazione… è sperimetazione umana. Ricordate il flashback? Guardate quanto era felice e in salute King

Essere sotto le mani di VP è un’esperienza piacevole. Certo. E io sono Cristina D’Avena. Di certo non sembra malvagio, la verità ce la dirà la storia. Perché, a questo punto (tenetelo bene a mente), è tutto il contrario di tutto. Potrebbe anche essere che non fosse Orso-boy, bensì VP che non vuole Bonney veda qualcosa nei ricordi. Anche se, è più plausibile che Orso non vuole la figlia sappia del passato del Tiranno

  • secondo punto, Atlas dice con nonchalance che può cambiare volto a piacimento, che fa parte del futuro, mh, interessante. Interessante ed inquietante
  • l’humor, torna Robin Dark! La sua noncuranza nel dire le cose più truci mi fa sbellicare!

Procediamo

La dama di compagnia

Jinbe, Stussy, Sanji. Tra il serio e il faceto, tre osservazioni

  • Sanji-boy ha bisogno di una donna, e di corsa (come si fa a non amare Sanji? E lo dice chi ama Zoro alla follia)
  • Stussy se lo rigira in un nanosecondo
  • Jinbe fa l’indifferente ma è fuori di sé. Dopo tanti anni di onorati tradimenti: tzè, prima Kanjuro poi sto pivellino

Aiuto, Poirot!

Franky, York, Lilith, Usopp (e polpetta bipede). Che squadra! La più iridescente (non vedo l’ora di vederli a colori!) e fracassona.

Ma, qui avviene una piega dark, si cambia registro e paragrafo

Un avviso, vecchi cuori!

La Fatal non sarà oggi: bensì lunedì alle 21.00, tenetelo a mente, ci riuniremo per scatenarci in merito ai misteri di Egghead!
Una roba infernalissima

Vi lascio il link!

https://m.twitch.tv/bikeandraft?desktop-redirect=true

Salem’s Lot

‘Ogni donna può ingannare un uomo se solo lo vuole e… se lui è innamorato di lei”.

– Agatha Christie, Trappola per topi

Ormai è andata, e si genti, d’ora in poi per me Pythagoras è polpetta bipede. Ufficiale.

Allora, qui bisogna riflettere sui Seraphim. Qualcosa decisamente non torna. Per logica, dalla mini-avventura, alla scomparsa, alle zone d’ombra dei suoi comportamenti: tutto fa pensare volutamente a Vegapunk.

In relazione ai Seraphim ritorna la mia teoria Killswitch. Ossia. Se costruisco qualcosa, per una persona X, la stessa – non avendo le mie competenze – dovrà prendere per buona la mia parola, perché non avendo le mie capacità: non è in grado di distinguere se dico la verità.

Puro e semplice, osserviamo la catena degli eventi:

  • i satelliti non comandano più i Seraphim
  • nella gerarchia di comando sono in linea con Vegapunk
  • sopra Vegapunk ci sono solo i 5 astri

È una Aringa Rossa.

Questo stato di cose è atto a farci pensare:

  • che Vegapunk ha un lato oscuro
  • L’astro è già arrivato su Egghead, e sta smazzando ordini

E si, così semplice. Si, per semplicità e logica, in due possono comandare. Sparare fuffa non è il mio stile. Ragioniamo sul plausibile. È plausibile che una delle 5 persone che comandano il pianeta… si metta a fare l’infiltrato rogue e il burattinaio dietro le quinte? O, e più plausibile che si piazzi davanti a tutti (con al fianco un diamine di Ammiraglio) in pieno stile Il Marchese del Grillo?

‘io só io, e voi non siete un Edison

Suvvia, e non è nel mio stile esprimermi su argomenti già approfonditi come Dio comanda. Attenzione, ora farò un esempio che non avrei voluto fare. Lo dico prima: è un estremismo per sottolineare la bellezza della libertà. Ricordate quando parlavo – recentemente – della Altalena di Bukowski?

Stesso ragionamento, ma più specifico. Hitler o Papa Giovanni. È impossibile che il Papa (come ognuno di noi) non avesse un lato oscuro, come è impossibile che Hitler (uno dei gradini più bassi dell’umanità) non ne avesse uno buono e luminoso. Ma, in cosa differiscono?

Nel libero arbitrio, nelle scelte.

Questo ragionamento riguarda il dualismo della natura umana.
Come insegna Carl Gustav Jung.
Signore assoluto dello studio tra inconscio collettivo e sé personale.

Non giro intorno argomenti già perfettamente espressi. Ecco perché vi consiglio il video del Re. Uno spaccato preciso, di estrema classe. Che spiega dove potrebbe finire Jekill… e iniziare Hyde. Ah, contiene la parola più importante: plausibilità, imperdibile

Ultima considerazione. La Boa di questo capitolo, non è la boa che arrossiva gentile a Jinbe. Questa è la killer di Amazon Lily. Notato come si diverte? Il modo in cui sorride? Che capitolo sinistro. Ci sono due opzioni:

  • sono sempre alcuni lati di Boa, alterigia e ferocia sono sui tratti. Ipotesi del Mala, bella potente e attendibile
  • o magari sono remotamente influenzati da chi gli impartisce gli ordini, assumendo tratti e comportamenti feroci

Una cosa è certa, in uno spin off, un racconto breve di Stephen King ispirato alle Notti di Salem, una tenera bambina sorrideva nella stessa maniera e – se avete letto il romanzo – sapete bene che razza di killer fosse.

Bene, parliamo di traditori!

L’effetto Kanjuro

“Non dire mai tutto quello che sai, nemmeno alla persona che conosci meglio.’

– Agatha Christie, L’avversario segreto

Il punto è semplice. Gli indizi logici portano principalmente a VP. Scopriremo se aveva ragione la magnifica Agatha Christie, o era una insidiosa Aringa Rossa.

Sapete che io dò un nome a tutto. Tipo l’Ambizione, che chiamo Il grande livellatore. Beh, questo è L’effetto Kanjuro.

Se uno scrittore capace non vuole farvi sapere qualcosa: non lo saprete. Neanche Oden e i Foderi avevano capito che fra loro ci fosse un sociopatico puro.

Questo è il punto.

Chi immaginava che un disgraziato che aveva perso la famiglia, fosse un attore sociopatico, la cui unica spinta verso l’effimero fosse: immolarsi sul palcoscenico della vita… per dare un senso alla propria esistenza?

Personaggio scritto da Dio.

In sintesi, abbiamo opzioni plausibili. Se prenderà un’altra piega: è per un elemento esterno di trama.
Ed è una figata.
Perché, per tanti anni, sapevamo di Kaido, di Wano, degli imperatori.

Dove ci porterà adesso One Piece?

L’ipoteca di vetro

Spero di avervi intrattenuto, fatto sorridere e soprattutto riflettere. Questa saga ha una certa fragilità morale, se si pensa al futuro, a God Valley, a Laugh Tale.

Definii Wano una apnea emotiva.

Beh, Egghead è un lungo movimento opaco. Il tratto nascosto alla vista si rivela spazio per la messinscena perfetta. Gentile, allegra, senza pudore. Presenta, con discrezione, un delirio orizzontale refrattario al prevedibile. Il suono di una risata… in mezzo a sogni infranti e segreti malinconici.

Godiamoci il viaggio, genti

‘L’impossibile non sarebbe potuto accadere, quindi l’impossibile deve essere possibile nonostante le apparenze.’

– Agatha Christie, Assassinio sull’Orient Express

Cenere

Related Posts