JAYGARCIA SATURN: L’USHI ONI DI ONE PIECE

da Francesco Lionetti
4496 visualizzazioni

Molti di noi hanno creduto per anni che non li avremmo mai visti su un campo di battaglia, eppure, dopo oltre mille capitoli, i cinque astri di saggezza hanno mostrato di non essere dei semplici vecchi che osservano i cantieri con le mani dietro la schiena. Già durante i caotici eventi del Reverie, i capi assoluti del governo mondiale avevano lasciato intravedere le loro grottesche sagome bestiali, scatenando la fantasia ed il desiderio di teorizzare tipico dei fan di questo meraviglioso manga.

Nel capitolo 1094 uno di essi, per la precisione il Dio Protettore della Scienza Jay Garcia Saturn, ha fatto la sua apparizione sulla terraferma, mostrando per la prima volta alla luce del sole la sua forma fruttata. Il primo elemento che spicca nella sua presentazione è indubbiamente il cerchio demoniaco che appare su Egghead nel momento del suo arrivo, che rimanda ovviamente ai circoli d’evocazione delle arti esoteriche. L’arrivo di Saturn a Egghead dà proprio la sensazione di assistere al richiamo di un vero e proprio demonio, con tanto di fumo oscuro, fulmini ed una pesante aria di terrore mista a incredulità.

A catturare la curiosità è anche il numero “5” che appare su ogni braccio del pentacolo da cui l’astro è sbucato, che dovrebbe fare riferimento, ovviamente, ai Cinque Anziani. Stando a questa particolarissima entrata in scena, è logico supporre che Oda ci stia presentando questi personaggi come le più grandi forme di oscurità di questo mondo, in netta contrapposizione con ciò che Rufy (Nika, in questo caso) rappresenta.

Parlando del suo aspetto, appare chiaro che l’ispirazione sia data dall’Ushi oni, celebre yokai appartenente al folklore del Giappone occidentale. L’etimologia del termine nasce dalle parole Ushi, che nella lingua nipponica significa “Bue”, e Oni, che invece è un termine comune per indicare i demoni. La conformazione fisica di questa creatura tuttavia è simile, per concetto, alle chimere della cultura europea, creature che in un solo corpo racchiudono diversi tipi di bestie. Questa particolare specie di yokai possiede diverse varianti, ma le fattezze ragnesche suggeriscono che in questo caso si stia parlando degli Ushi oni che si pensava vivessero nelle scogliere delle isole del Kyushu. La peculiarità di questi demoni risiede nella loro malvagità: essi infatti non solo si cibavano crudelmente di uomini, ma tendevano a colpire i villaggi che distruggevano con maledizioni e pestilenze.

Inoltre erano abbastanza intelligenti da farsi aiutare da altri yokai nella cattura degli esseri umani, specialmente dai Nure Onna e dagli Iso Onna, le cui fattezze rimandano molto a quelle delle sirene. Assai probabile, quindi, che Saturn possa essere in grado di utilizzare il veleno, essendo in parte un ragno. La componente bovina inoltre potrebbe anche lasciar intuire che la forza fisica non gli manchi, ma per adesso si tratta ovviamente solo di mere congetture. In un prossimo articolo potremo parlare anche dei suoi poteri, sperando di poter avere delle reali dimostrazioni da parte del personaggio nei prossimi capitoli.

Resta estremamente affascinante la scelta di associare i Cinque Anziani a delle creature demoniache, che rappresentano, meglio di qualunque altra bestia, la vera natura di questi importanti personaggi e di ciò che rappresentano.

Related Posts