Home Approfondimenti One Piece Analisi del capitolo 954 di One Piece

Analisi del capitolo 954 di One Piece

1145
CONDIVIDI
one piece capitolo 954

Porca vacca, che signor capitolo questo 954 di One Piece!! 

Capone Bege Red Line

La miniavventura prosegue come avevamo immaginato, ovvero con il palesarsi della Red Line durante il periodo del Levely. Si possono anche vedere chiaramente delle navi della Marina sullo sfondo, posizionate in difesa del continente rosso onde evitare scalate indesiderate in stile Fisher Tiger. Chiaramente Capone, avendo appena sequestrato una nave e trovandosi nel Nuovo Mondo, potrebbe non aver potuto rivestire la nave, perciò sono curioso di capire come si svilupperà questa miniavventura, che potrebbe essere molto interessante sotto molti punti di vista.

Kawamatsu

Le due pagine dedicate a Zoro sono molto interessanti. Tralasciando la questione spade, mi focalizzerei sulla battuta di Kawamatsu, che sottolinea il fatto che non è assolutamente possibile che lei dia una delle due spade di Oden a qualcuno le cui origini sono totalmente sconosciute. Qui le soluzioni sono due: o è semplicemente una battuta dettata dal fatto che, chiaramente, Zoro a Wano è il signor nessuno, ma che finirà per guadagnarsi la fiducia dei samurai sul campo grazie alle sue abilità, oppure Zoro, come tanti (e pure il sottoscritto) ritengono, ha un passato legato al paese dei samurai. Sappiamo che Oden è morto vent’anni fa, quattro anni dopo la morte di Roger, e non sappiamo quando Kaido ha cominciato a recare fastidio al paese di Wano, perciò è possibile che qualcuno di Wano abbia lasciato l’isola in direzione di un mare più tranquillo come l’East Blue, come suggerito anche da Oda stesso nelle SBS. Se queste persone avessero portato via anche un neonato dell’isola, magari figlio o nipote o non so che di qualche pezzo grosso, magari Daimyo, di una delle regioni di Wano per sottrarlo ad un triste destino, perché questo neonato non potrebbe essere Zoro, che guarda caso ha 21 anni? So che a molti l’idea che Zoro sia qualcuno non piace, ma se Oda ha dato un passato a Sanji, perché non dovrebbe darlo anche alla sua controparte in ciurma? Vedremo se la visita alla tomba di Ryuma ci darà qualche risposta.

Drake Law

La tre tavole dedicate a Law hanno poco su cui soffermarsi. Sono molto contento riguardo al fatto che i tre “alleati” abbiano mantenuto perfettamente la loro caratterizzazione: Apoo è sempre stato un infame e tale si è rivelato, Hawkins si è sempre affidato ai risultati della sua lettura delle carte e ad esse si è affidato per decidere la sua scelta di posizione, Kid è una testa calda che non si piega a nessuno e in tale modo ha agito, finendo per perdere tutto. L’incognita della scena è l’identità di chi ha liberato Law ed ingabbiato Hawkins, ma non ci sono molte alternative: potete notare un mantello e degli scarponcini, perciò attualmente mi sento di escludere qualsiasi samurai visto finora… perciò potrebbe essere Drake, che come sappiamo ha un legame “narrativo” con Law (ricordate l’isola Swallow?). 

La tavola di Luffy non la commento. Non me ne frega nulla.

Nove Foderi Rossi

Commenterò, invece, le tavole dedicate ai Foderi Rossi e alla strategia di Yasuie, che con due semplici righe sposta il punto di ritrovo dal Porto della Vipera al Porto della Lucertola. Tuttavia, la cosa più importante da sottolineare è che nella tavola doppia, viene ribadito il fatto che manchi proprio Denjiro. Molti pensavano che Denjiro potesse essere Tenguyama Hitetsu, visto che affermava di star attendendo qualcuno durante il primo dialogo tra lui e Luffy ad inizio saga, ma visto che anch’egli è qui presente, possiamo escluderlo dai canditati. L’altra possibilità era Gyukimaru, ma per fortuna si è rivelato essere una kitsune. A mio dire, resta ancora buono un solo personaggio ad oggi visto in trama, ossia Kyoshiro, il boss della Yakuza della Capitale dei Fiori, che attualmente è la persona più vicina ad Orochi. Staremo a vedere. Ultima cosa, prima di passare al gran finale: nella bellissima vignetta con i Foderi Rossi e alcuni membri della ciurma di Cappello di Paglia possiamo notare anche Momonosuke, ma non c’è Hiyori. Questo significa sì che i due non si sono ancora incontrati, ma anche che Hiyori sta facendo qualcos’altro e dato che Kin’emon afferma che nessuno di loro ha alcuna notizia di Denjiro, questo potrebbe anche significare che Hiyori non sappia nemmeno che (sempre nel caso fosse davvero lui il Fodero Mancante) Kyoshiro sia proprio Denjiro. 

Wano

Le tavole finali, a mio dire, sono veramente infernali. Ad inizio saga mi aveva stupito il fatto che Wano si trovasse sopra una cascata, ma mai mi sarei immaginato che l’intera isola fosse una montagna-atollo, con un enorme lago d’acqua dolce che poi trasborda da due lati formando due enormi cascate. Nota interessantissima è che sotto la cascata più vicina ad Onigashima c’è un tunnel con tanto di bondola identica alle due situate lungo da Red Line e che portano a Mary Geoise, il che mi ha fatto pensare a molte cose. Wano è isolazionista e non ha alcun contatto con l’esterno da almeno 800 anni. Quindi le cose sono due: o la bondola è stata costruita recentemente da qualcuno non indigeno, quindi anche da Kaido o da Orochi che pare comunque avere un concetto di isolazionismo molto più flebile rispetto al resto dell’isola, oppure è sempre stata lì sin dai tempi antichi. Da questo si possono teorizza due situazioni, ovvero che o le bondole nei due Red Port sono state realizzate sui disegni di quella di Wano o che tutte e tre (quindi sia Wano che Red Line) sono state pensate da uno stesso ingegnere e che quindi la Red Line, ai tempi, fosse territorio di Wano o, meglio, di alleati di Wano. Immagino abbiate capito dove voglio andare a parare… ma mi fermo qui, non è né il momento né il capitolo per parlarne.

Numbers Kaido

Giriamo pagina ed ecco Apoo, ma l’attenzione si focalizza immediatamente sulle ombre dietro di lui. Infatti, i bambini sono terrorizzati da quelle ombre e uno di loro li riconosce pure: quelli sono i Numbers di Kaido, gli ufficiali che in scala gerarchica sono inferiori a King, Queen e Jack, ovvero le carte che vanno dal 10 al 2. E l’uno? Considerando che l’uno nel poker può essere sia la carta più alta che quella più bassa, mi sento di considerare Kaido stesso l’Asso della ciurma dei pirati del Signore delle Bestie. Le ombre di questi loschi figuri sono veramente demoniache, ma il top è che Queen sottolinea che sono tutti degli alcolizzati. Ci sarà da divertirsi. 

Kaido Big Mom Alleanza

E veniamo all’ultima tavola, ovvero ciò che in molti si aspettavano e altrettanti avrebbero preferito non accadesse: Kaido e Linlin sotterrano l’ascia di guerra e stringono un’alleanza incredibile, che verrà sciolta (a detta loro) solo dopo aver conquistato il mondo intero, così che solo allora potranno riprendere il loro combattimento da dove è stato interrotto. A parte l’assoluta potenza di questa scelta narrativa, che va ad unire i due personaggi conosciuti più forti in assoluto, ciò su cui vorrei focalizzarmi sono le conseguenze di tale scelta di Oda. Abbiamo visto che Linlin può essere ferita solo quando va in stato confusionale a causa di un trauma psicologico, quindi le possibilità di farle del male sono pressoché nulle. Kaido, invece, sappiamo che ha patito le peggio torture e situazioni durante i suoi anni da pirata, ma di lui non conosciamo ancora la storia pregressa, quindi è ancora un’incognita sotto molti punti di vista: unico punto debole, al momento, sembra una delle due spade di Oden, Enma, ovvero la spada che Hiyori ha dato a Zoro. Perché? Non si sa. Quindi, da una parte abbiamo due mostri imbattibili al 99,9% periodico con le rispettive ciurme e poteri incredibili, dall’altra abbiamo un’alleanza di migliaia di persone con una forte volontà di riscatto e tanti altri ideali che non sto qua a raccontarvi. Secondo voi quante possibilità di vittoria hanno Luffy & Co.? Considerato tutte le carte in tavola, attualmente ancora poche. La vera chiave di volta potrebbe essere, a questo punto della storia, l’arrivo di un ultimo personaggio che potrebbe davvero cambiare le sorti della guerra all’orizzonte, ovvero quel personaggio definito da Kizaru “forte quanto Barbabianca in gioventù”. Chiaramente parlo di Edward Weevil. 

Ai posteri l’ardua sentenza. Settimana prossima pausa. Chi vivrà vedrà.

4.89/5 (9)