Home Approfondimenti One Piece Il pattern degli ammiragli della Marina

Il pattern degli ammiragli della Marina

1602
CONDIVIDI

Ciao a tutti e bentornati su One Piece Mania! Quest’oggi vorrei affrontare un Focus On e parlare del pattern degli Ammiragli di One Piece!

Ammiragli One Piece: Introduzione

Organo militare sotto il controllo del Governo mondiale, la Marina ha il compito di mantenere la pace e l’ordine nei mari del mondo di One Piece, contrastando la pirateria. L’organizzazione della Marina è prettamente gerarchica. Il comandante supremo è il grand’ammiraglio. Egli prende ordini solo dal Governo mondiale e comanda tutti i membri dell’organizzazione.

Il grado di ammiraglio è secondo solo a quello di grand’ammiraglio ed è ricoperto da tre persone. Gli ammiragli sono considerati universalmente come l’arma più forte a disposizione del Quartier Generale, poiché essi costituiscono uno dei tre grandi poteri che equilibrano il mondo di One Piece. Le loro capacità eccezionali li rendono il terrore di qualunque pirata ma, generalmente, vengono chiamati ad intervenire solamente in casi di assoluta importanza. 

Ammiragli One Piece: Analisi Trio Originale

Se analizziamo le caratterizzazioni date al trio originale di Ammiragli, possiamo osservare molte somiglianze che si potrebbero racchiudere in un pattern specifico. Il loro design e i loro compleanni si ispirano a famosi attori giapponesi.

Il volto e il compleanno di Kizaru sono ispirati a quelli dell’attore giapponese Kunie Tanaka. Inoltre l’abbigliamento di Kizaru e il suo vero nome, Borsalino, sono basati su un personaggio interpretato da Tanaka stesso nel film Truck Yarō.

Il volto e il compleanno di Aokiji ispirato a quelli dell’attore Yusaku Matsuda. Il suo abbigliamento invece si basa su Tantei Monogatari, un personaggio che l’attore ha interpretato nella serie TV e film “Detective Story“.

L’aspetto e il compleanno di Akainu sono ispirati a quelli dell’attore giapponese Bunta Sugawara. Il suo nome è invece basato su tre famosi film di Bunta Sugawara che hanno il nome “Sakazuki” nel titolo.

Gli alias del trio originale di Ammiragli sono invece tratti dalla Leggenda di Momotaro, una celeberrima fiaba giapponese la cui versione più nota risale al periodo Edo. Momotarō venne al mondo dentro una gigantesca pesca, che venne pescata mentre andava alla deriva in un fiume da un’anziana donna che non aveva avuto figli e che si era recata al fiume per lavare i panni; la donna e suo marito scoprirono il bambino mentre cercavano di aprire la pesca per mangiarla, e questi spiegò loro di essere stato inviato dal cielo per essere loro figlio.

Secondo la versione di più antica attestazione, invece, la donna mangiò un pezzo della pesca e tornò giovane e bella, e quando il marito tornò a casa convinse anche lui a cibarsene; la coppia, rinvigorita dai poteri della pesca, quella sera stessa concepì un figlio. Da notare al riguardo che la pesca è considerata in Giappone un simbolo di fertilità, per la sua forma che ricorda il fondoschiena di una donna.

Il bambino venne chiamato Tarō, un nome molto comune per i primogeniti e che significa “figlio grande”. Una volta cresciuto, il ragazzo lasciò la famiglia per andare ad affrontare gli oni, una sorta di orchi che vivevano nell’isola di Onigashima; lungo la strada momotaro incontrò un cane, una scimmia e un fagiano, che accettarono di aiutarlo nella sua missione. Insieme ai suoi amici animali, Momotarō penetrò nel forte di Ura, sconfisse il capo degli oni e sottrasse alle creature il prezioso bottino, grazie al quale la sua famiglia e i suoi nuovi amici poterono vivere per sempre negli agi.

Esistono davvero molte versioni della leggenda di Momotaro e in una di esse i nomi dei tre animali sono esattamente gli stessi degli epiteti degli Ammiragli. Anche la loro personalità viene a coincidere con la citazione letteraria. Aokiji, il fagiano, è pigro. Kizaru, la scimmia, è distratto e irresponsabile. Akainu, il cane, è molto fedele. Se invece vogliamo analizzare il pattern dei poteri, questo si rifà al colore dell’epiteto. Tutti e tre possiedono i poteri di un frutto Rogia che richiama un ambiente terrestre il cui colore è della gamma dei primari. Cielo e Giallo per Kizaru, Mare e Blu per Aokiji, Terra e Rosso per Akainu.

Ammiragli One Piece: Visione della Giustizia

Nel mondo di One Piece, in particolare fra coloro che devono garantire l’applicazione delle leggi, si contrappongono tre diverse visioni della giustizia e della legge e ogni Ammiraglio del trio originale rappresenta uno specifico ideale: Akainu la Giustizia Assoluta, Aokiji la Giustizia Morale e Kizaru la Giustizia Neutrale.

La filosofia di tali visioni della giustizia e le loro associazioni con ciascun ammiraglio trovano fondamento nelle caratteristiche che hanno i loro animali rappresentativi nell’oroscopo cinese.

I nati sotto il segno del Cane sono persone leali e dalla moralità elevata. Il loro senso del dovere li contraddistingue in numerose situazioni, dove sanno essere precisi ed esigenti.

I nati sotto il segno del fagiano (o gallo) sono persone che progettano molte cose, senza però riuscire a concluderne nessuna a causa della loro pigrizia.

I nati sotto il segno della scimmia sono persone dallo stile di vita frenetico, non amano le mezze misure e si tengono costantemente attivi, cosa che li porta ad essere frettolosi e distratti.

Ogni ammiraglio possiede un ideale puro di giustizia così come è rappresentante di un colore primario, puro e candido.

La Giustizia Assoluta di Akainu è la filosofia di giustizia maggiormente perseguita dai membri della Marina: tale filosofia prevede l’utilizzo indiscriminato di ogni mezzo per il mantenimento dell’ordine, anche nel caso in cui si debbano sacrificare le vite dei civili. Chi persegue la Giustizia Assoluta ha come unico scopo l’annientamento indiscriminato della criminalità in generale, senza interrogarsi sulla gravità dei reati o la reale colpevolezza dei ricercati. 

La Giustizia Morale di Aokiji è una filosofia della giustizia totalmente contrapposto alla Giustizia Assoluta: chi persegue questo tipo di giustizia, pur perseguendo anch’egli il mantenimento dell’ordine, tende sempre a giudicare la gravità o l’effettiva colpevolezza del ricercato e può accadere che decida di lasciarlo libero se la situazione lo consente.

La Giustizia Neutrale di Kizaru è una filosofia totalmente apatica che, a differenza delle prime due, non prevede di giudicare l’entità del reato ma solo di rispettare le direttive. Chi persegue questo tipo di giustizia agisce in base agli ordini che riceve e si preoccupa esclusivamente del loro adempimento. 

Ammiragli One Piece: Fujitora

Possiamo quindi osservare come le caratterizzazioni finali degli ammiragli siano legate al loro concetto di giustizia, al colore di riferimento e al segno astrologico cinese.

L’astrologia cinese è la tradizione astrologica che si è sviluppata parallelamente all’astronomia tradizionale ed è strettamente collegata alla filosofia cinese. Uno dei cicli su cui si basa l’astrologia cinese è di dodici anni, ognuno dei quali corrisponde a un segno dello zodiaco. In ordine è formato da Topo, Toro, Tigre, Coniglio, Drago, Serpente, Cavallo, Capra, Scimmia, Gallo, Cane e Maiale.

Ma tale pattern è presente anche nei due nuovi Ammiragli? I loro epiteti sono composti da un colore secondario e da altri due animali dello zodiaco cinese. Tali epiteti rappresentano anche il luogo dove si trova l’oni, ossia l’orco che momotaro deve eliminare. Questo infatti vive nella zona nord-orientale e il nord-est è compreso tra le costellazioni della tigre e del toro. 

Il volto di Fujitora è ispirato a quello dell’attore Shintaro Katsu. Il suo abbigliamento invece si basa su Zatoichi, uno spadaccino cieco che l’attore ha interpretato.

Essendo Fujitora cieco, non gli vediamo mai gli occhi. Tale caratteristica è anch’essa comune alle introduzioni del trio originale di Ammiragli, i cui occhi sono oscurati alla prima apparizione. Aokiji ha una mascherina da sonno, Kizaru gli occhiali da sole e Akainu il cappuccio sopra il berretto.

La tigre nella astrologia cinese è fortunata nel gioco, non teme di risultare antipatica, è forte e risoluta. Oltre a ricordare la caratterizzazione di Fujitora, astrologicamente si oppone alla caratterizzazione di Kizaru. Questo fattore lo ritroviamo anche nella giustizia che persegue. Essendo lui caratterizzato dal colore secondario derivante dall’unione del rosso e del blu, possiamo affermare che la sua giustizia sia una via intermedia tra quella Assoluta di Akainu e quella morale di Aokiji.

Richiamando quindi due giustizie morali pure, si contrappone alla terza, quella di Kizaru. Il suo ideale di giustizia è molto complesso, perché pone la protezione dei civili al primo posto, ma non manca di far rispettare la legge punendo i criminali. Rimane comunque una figura interessata a far rispettare la propria visione della giustizia e a mettere da parte l’orgoglio nel rimarcare gli errori della Marina e del Governo Mondiale.

Possiamo affermare che il pattern di base degli Ammiragli è stato rispettato e ripreso nella figura del nuovo ammiraglio. Focalizzandoci proprio su Kizaru e Fujitora, possiamo inoltre osservare come i loro poteri, quando attivati, formino uno specifico simbolo. Quello di Kizaru ha forma di croce, mentre quello di Fujitora è un cerchio. Se i poteri del vecchio trio di Ammiragli rappresentavano i 3 ambienti terrestri, quelli del nuovo trio paiono rappresentare l’universo: Kizaru la luce e Fujitora la gravità.

Il colore viola è infatti associato, nei fumetti orientali, alla gravità.

5 Ammiragli: I 2 Candidati

Tramite SBS abbiamo inoltre scoperto l’esistenza di due viceammiragli candidati alla promozione dopo l’esito della lotta tra Akainu ed Aokiji. Vengono presentati nelle SBS del Volume 75 e poi introdotti nel tredicesimo film.

I loro epiteti seguono anch’essi il pattern degli ammiragli, essendo composti da un animale dello zodiaco cinese e da un colore. Questi viceammiragli sono Gion e Tokikake.

Gion è ispirata dalla attrice giapponese Michiyo Kogure. Il suo epiteto, Momousagi, significa coniglio rosa-pesca.

Tokikake è invece ispirato dall’attore giapponese Kiyoshi Atsumi e il suo outfit richiama il personaggio di Tora-san, interpretato proprio da Atsumi. Il suo epiteto, Chaton, significa invece maiale marrone.

Dopo aver approfondito con minuzia tutti gli elementi che hanno accomunato i quattro Ammiragli, grazie al pattern appena confermato, è anche possibile dare “corpo” a Ryokugyu, Toro Verde, che abbiamo intravisto nel capitolo 904.

Ma non è questo il momento… quindi per oggi è tutto, ditemi pure cosa ne pensate! Alla prossima con un nuovo approfondimento!

Sommario
Il pattern degli ammiragli della Marina | One Piece Mania
Nome Articolo
Il pattern degli ammiragli della Marina | One Piece Mania
Descrizione
Gli ammiragli sono considerati universalmente come l'arma più forte a disposizione del Quartier Generale, poiché essi costituiscono uno dei tre grandi poteri che equilibrano il mondo di One Piece.
Autore
Nome Editore
One Piece Mania
Logo Editore
4.5/5 (6)