Joyboy era un Marshall?! Rivelato il Segreto di Barbanera

da Gabriele "Il Re" Bertoloni
240 visualizzazioni
Marshall D Joyboy

Oggi voglio dare credito a una teoria detta con leggerezza qualche settimana fa: Teach potrebbe essere un discendente diretto di Joyboy, il leggendario eroe di ottocento anni fa. Detta così può sembrare una sciocchezza, ma potrebbe essere più reale di quanto sembri. Certo, la teoria più semplice è che sia imparentato con Xebec, ma vorrei esplorare un’idea più complessa, che comunque potrebbe anche non escludere la prima ipotesi.

Partiamo dal presupposto che Marshall D. Teach è appassionato di ricerca storica; se fosse una persona reale sarebbe un archeologo. Questo significa che è interessato alla verità e a togliere il velo che ricopre il mondo. Sappiamo con certezza che ha una linea di sangue particolare. Dal punto di vista narrativo, viene collegato al discorso di Catarina Devon che afferma che Teach è speciale. Saturn, uno dei capi del mondo, afferma che l’uomo discende da qualcuno di importante, il che si aggiunge a ciò che lo rende speciale.

Quindi, il primo punto è che Barbanera discende da qualcuno di importante, tanto da scomodare la memoria di uno dei capi del mondo. Questo è un argomento fondamentale da cui partire.

Passiamo alle mosse che Teach ha compiuto nella sua carriera da pirata. Partiamo dall’entrata nella ciurma di Barbabianca, una delle più note trent’anni fa. Non è chiaro se Teach puntasse già al Gura Gura o se ci siano altre ragioni, ma quello è il nostro punto zero.

Teach è cresciuto come uomo e pirata, restando nell’ombra per quasi 30 anni, senza essere segnalato né identificato dal Governo come pericoloso. Ricordiamoci come a Mary Geoise, durante la convocazione per sostituire Crocodile, nessuno sapesse chi fosse Marshall D. Teach.

Come fa Saturn a sapere da chi discende Teach se nessuno due anni prima sapeva chi fosse? La risposta che mi sono dato è che questa informazione è molto riservata, nota solo a certe persone. Un po’ come Shanks che è figlio di Figarland Garling.

Il punto è: se il cognome Marshall D. fosse pericoloso per il Governo Mondiale, lo avrebbero eradicato fin dall’inizio. Ma non è il nome di famiglia a essere un pericolo, visto che ci sono altri D. nella Marina. Allora, perché la discendenza di Teach è così speciale da far ammettere a Saturn che Teach è un uomo speciale?

Se Joyboy di 800 anni fa fosse stato un Marshall e questa informazione fosse stata oscurata insieme alle altre relative al Secolo Vuoto, solo i discendenti diretti di Joyboy e i suoi nemici giurati, come Imu-sama, potrebbero saperlo. Imu dovrebbe conoscere la vera identità del suo nemico più acerrimo. C’è un dettaglio di trama importante che potrebbe chiarire questa cosa, ma ne parleremo più tardi.

Tornando al piano di Barbanera, il primo passo di Teach è stato trovare il frutto Yami Yami, il frutto del buio. Senza quello nulla sarebbe partito. Sappiamo tutti com’è andata e le conseguenze, quindi non mi dilungherò su questo. Invece, mi chiedo perché Teach abbia voluto il Dark Dark e non il frutto del dio del Sole, Nika.

Si può ipotizzare che fosse per ignoranza. Forse solo a Laugh Tale si scopre l’importanza del frutto, e quindi Teach, memorizzando i frutti sull’enciclopedia, ha scelto quello più diabolico, capace di togliere i poteri agli altri fruttati. O forse, consapevolmente, ha scelto un’alternativa al potere che causò il fallimento del suo antenato.

Il secondo passo è stato ottenere lo status di Corsaro per avere i privilegi che il Governo Mondiale dà a questi pirati. Se Luffy non avesse sconfitto Crocodile, non ci sarebbe stato nessun corsaro da sostituire nella Flotta dei Sette. In tal caso, Teach avrebbe atteso che uno di loro cadesse o avrebbe attaccato lui stesso quello più debole? Probabilmente Boa Hancock, contro cui è poi andato due anni dopo per sottrarle il frutto del Diavolo.

Invece, Ace è finito tra le mani di Teach, dando al pirata la sua occasione d’oro.

Il terzo passo è stato rinforzare i ranghi. Fortuna e destino hanno voluto che Teach andasse a Impel Down durante la grande evasione causata da Luffy e Buggy. Non solo riuscirà nel suo intento grazie al caos del suo rivale, ma anche grazie all’alleanza fortuita con Shiliew, ex capo carceriere.

Teach sapeva già di poter tenere dentro di sé due frutti, e i suoi compagni lo sapevano. Teach è sempre estremamente chiaro con i suoi collaboratori. Devon, nei capitoli finali della saga di Egghead, fa capire che sa di questa discendenza del suo capitano. Teach è molto onesto e aperto coi suoi pirati. Loro sanno chi è, cosa può fare, cosa vuole fare e lo seguono perché condividono obiettivi e metodologie.

Quando Newgate sta per morire, dice a Teach: “Quantomeno, non sei tu l’uomo che Roger sta aspettando.” Perché dire questa cosa proprio a Teach? E soprattutto subito prima di dimostrare di essere al corrente di uno dei più grandi tabù del mondo: cos’è la D e chi fu Joyboy.

Se Teach avesse raccontato ai suoi ex compagni della sua particolarità fisica e della sua discendenza, Newgate sapeva. E se fosse stato Rocks, ex capitano di Teach, qualche domanda se la sarebbe fatta. Ma nel caso di Rocks, ovviamente non sarebbe stata la persona attesa da Roger. A meno che il cognome di Joyboy fosse stato Rocks e Teach sia legato a lui tramite linea di sangue materna, ma questa trama è già stata usata con Ace.

Invece, se Teach discende dal Joyboy di ottocento anni fa e crede che il One Piece sia suo di diritto, la frase di Newgate assume un altro significato. Non serve essere l’erede di sangue; ciò che conta è ereditare la volontà. Nika va da Luffy, non da Teach. “Non sei tu l’uomo che Roger sta aspettando” perché, pur essendo discendente diretto, non ne incarni i valori.

Teach non capisce le parole di Newgate. Per lui, è solo un’imbruttita. Sente che il One Piece esiste e pensa solo a quello, a ciò che gli spetta.

Dopo la morte di Newgate, Teach si prende il frutto, distrugge mezza Marineford, dichiara al mondo che è la sua era e che si prenderà tutto ciò che gli spetta. Se ne va da Marineford dopo che il Rosso gli intima di andarsene, con un “va bene, ma prima o poi tocca anche a te.”

L’ossessione di Shanks per Teach potrebbe essere ancora più importante. Shanks subisce la cicatrice da Teach tra i 18 e i 13 anni prima della storia presente, quindi diversi anni dopo la morte di Roger. Forse Shanks cercava di capire se Teach fosse l’uomo atteso da Roger. Capisce che non lo è quando viene colpito e sfigurato. Shanks sta addosso a Barbanera dal momento in cui comincia a farsi un nome fuori dalla ciurma di Newgate. Quando sente che Ace gli sta alle calcagna, va da Barbabianca a dirgli di fermare il ragazzo perché Teach è troppo pericoloso. A Marineford, di fatto, lo caccia via. Quando Luffy risveglia Nika e c’è la possibilità che Wano venga aperta, Shanks va a Wano per intercettare Barbanera, che invece va altrove. Infine, Shanks va a Mary Geoise per parlare di un certo pirata ai Cinque Anziani.

Ecco il dettaglio importante: Imu sa di Teach perché glielo ha detto il Rosso. Shanks sa tutto ciò che Roger gli ha raccontato tornato da Laugh Tale. Non sappiamo fino a quale livello di conoscenze abbia, ma sa di Nika, dei Road Poneglyph, dei confini di Wano, e forse anche di Teach.

Tornando a Teach, dopo Marineford conquista i territori di Newgate, sconfigge chiunque gli si mette contro, ruba i frutti del Diavolo più forti e diventa uno dei Quattro Imperatori, conquistando l’isola dei pirati, Hachinosu. Si conclude la quinta parte del piano.

Al gruppo si unirà Kuzan “Aokiji”, decimo capitano della flotta di Barbanera. Il modo in cui Teach lo ha arruolato è interessante e lascia intendere che Kuzan abbia scelto di seguirlo perché Teach può dargli ciò che vuole.

Teach cattura Koby su Amazon Lily e ha l’intento di entrare a far parte del Governo Mondiale come re di un regno. Questo è la sesta fase del piano.

Teach vuole diventare un re riconosciuto dal Governo Mondiale per fare altro. I regni che appartengono al Governo Mondiale possono andare al Levely a Mary Geoise. E cosa c’è a Mary Geoise? Il trono del re del mondo, creato dalle venti famiglie che ottocento anni fa hanno sconfitto Joyboy e il regno antico.

Fortuna e destino. Dopo la fuga di Koby grazie a Garp, Devon riesce a copiare l’aspetto di San Saturn grazie ai poteri del frutto della Volpe a Nove Code. Ora ha un passe-partout per Mary Geoise che vale oro.

Qui potrebbe scattare la settima parte del piano: entrare nella terra santa di Mary Geoise e sedersi sul trono vuoto, diventando il Re del Mondo. Ecco il punto fondamentale di questa teoria, trovata dal mio fratello Sommobuta durante uno dei nostri One Piece Deep.

Il faccia a faccia tra una D e Imu-sama non sarà tra il re del mondo e Luffy, ma tra Marshall D. Teach e San Imu della casata Nerona, che ottocento anni fa sconfisse Joyboy.

Immaginate la scena: i due che parlano, Teach che chiede del suo avo, Imu che racconta la sua verità, forse anche menzogne. La scena con le taglie di Luffy e Teach squarciate a terra nel capitolo 908. I due Joyboy: l’erede di sangue e l’erede spirituale. Quel cappello a Mary Geoise, abbastanza grande per essere indossato da un super human, forse un Buccaneer. Una volta ottenute risposte e scoperta la verità, Teach ammazza Imu, grazie al frutto Dark Dark che toglie i poteri del Diavolo, e diventa il villain finale.

Cappello di Paglia vs Barbanera. Il Sole vs L’Oscurità. Joyboy vs Joyboy. Il vincitore si prende il tesoro, che vedremo solo alla fine. Il mondo, libero da Imu e Teach, potrà essere riformato.

E Buggy sarà il re dei pirati.

Related Posts