One Piece 1089: Aria di golpe, Efesto a Egghead, Samizdat

da Stefano 'Cenere' Potì
4064 visualizzazioni

Gli scandali sono il fertilizzante della democrazia’

– Dario Fo

Riflessione sulla forma.

Salve genti, nuova analisi, capitolo 1089: tutti i mugi vengono al pettine.

Un unico incidente. Capace di sconvolgere la società a livello globale. Nell’attuale presente storico, il mondo di OP è dominato da tre grandi figure: quelle della pirateria, della Marina, del Governo Mondiale. In un divenire dipinto con i tratti dei misteri e dei segreti, che riflettono le vicende e gli atteggiamenti di questo tempo storico. Lì dove è già rebus la presenza della Red line, figuriamoci i fasti del regno antico.

Ma, occorre la forza espressiva di un terremoto letterario per non crogiolarsi nei cliché, per bucare la cortina d’acciaio di un intero secolo vuoto. Per arrivare al barrage che divide ogni singolo imperatore dai propri sogni: Laughtale.

Nel 1089 la fantasia è al potere. Una carambola di situazioni e temi diversi unificati da prefigurazione, non iperbole. Ma, c’è chi si è lamentato di mancanza di contesto (i Seraphim, i ricordi di Bonney, le conoscenze di Vegapunk sui PG), e, soprattutto, non si spiega a cosa sia servita questa lunga panoramica lontano dai Mugi. Facciamo chiarezza.

È il momento dell’Elzeviro

Ab ovo

Oda non ha skippato combattimenti, non ha evitato contesto, non ci ha scammati tralasciando informazioni fondamentali. Niente di tutto questo. Semplicemente?

Ha dato precedenza al ritmo della narrazione.

L’incidente di Egghead, e ciò che vedremo da adesso, saranno una serie di docce fredde, qualcosa che per 26 anni abbiamo solo lontanamente sperato, ma ora appariranno in questa luce:

  • la volontà degli imperatori, espressa nel sogno (Luffy), il debito (Shanks), l’anarchia (Teach), la risolutezza (Buggy)
  • il coraggio, con la Marina, nel – probabile – dramma di immolarsi per una causa (Aokiji), di un Atlante che ha sorretto due generazioni (Garp), e chi infrangerà il prisma dell’ingiustizia: Koby
  • il classismo esasperato di una volontà ferrea, tale da ergersi per 800 anni. Imu.  Con relativi frutti e poteri. E la rivelazione che impone riflessione profonda, se il Nika ha scelto Luffy: alcuni frutti hanno scelto il governo. Ho sposato subito una teoria simile, perché fa pensare ad una guerra antica, a due fazioni preesistenti

Oda non l’ha fatto perché fa figo, o gli avanzavano chine e inchiostri. Men che meno per prendere tempo. Vedremo alcuni equilibri  messi a dura prova, altri andranno letteralmente in frantumi. Ha mandato gli attori sul proscenio. Ci ha mostrato dove si scateneranno le maggiori ripercussioni.

Semplicemente conscio di aver posto i pezzi sulla scacchiera, ci getta nella mischia senza mezzi termini. Ciò che manca nello schema lo presenterà in flashback. Dopo una lunga panoramica, è una cosa buona non ripartire emotivamente da zero, sarebbe come rivivere Egghead dall’inizio. Già, dall’inizio. La sopracitata espressione latina (Ab ovo) rimanda al mito. In forma canonica gemino ab ovo (dal doppio uovo), si riferiva al parto gemellare di Leda (amante di Zeus), è una delle metafore più classiche per evocare l’origine di una vicenda, letteralmente i primordi. Nella tradizione di attività letteraria, iniziare ab ovo la stesura di fatti e vicende, significa ancora oggi: iniziare a narrare dalle fasi più remote.

Trovo comico il fatto che il mondo stia guardando i mugi con attonita indifferenza, vittima di una semplice insinuazione giornalistica. Questa volta il sensei si prepara a parlarci del passato. Ecco perché il lunghi focus estemporanei ad Egghead. Senza voli né pindarici né metafisici, senza vani dogmatismi o golfi insondabili di controversie. Egghead è l’isola del futuro… in molti sensi.

Signore, signori: capitolo 1089…

Interludio sismico

‘Il Mistero Buffo racconta proprio come il popolo è stato derubato, defraudato da secoli della propria cultura, non solo il padrone se l’è fatta propria, ma l’ha camuffata e la impone di nuovo scorrettamente al popolo.’

– Dario Fo

Praticamente nemmeno i personaggi stessi credono nella morte di Garp, come asserivo nei precedenti articoli: il momento era perfetto come pathos, ma non avrebbe avuto senso alcuno. Il primo a non crederci? L’uomo il cui nome sembra l’onomatopea di un hentai: Woop Slap! Facezie a parte. Garp è fra noi, sicuro come l’oro.

Il totoscommesse su chi abbia infiocinato Makino mi fa sempre scassare. Genti, dovrebbe essere stato Shanks, suvvia. Ma ho sentito un paio di persone fare codesta equazione ‘Makino parlando con il figlio definisce Luffy fratellone, è figlio di Dragon!’.

Ho dovuto resistere. Combattere l’impulso di sbattere il mignolo del piede nello spigolo di un comodino, intenzionalmente.

Da dove nasce un simile ragionamen… no, no. Da dove diavolo sbuca un simile delirio? L’espressione onii-chan in Giappone te la tirano praticamente dietro. Ok ok, non esageriamo, molto semplicemente è un titolo che sussiste in una relazione affettiva, ma, non deve minimamente essere per forza di natura filiale. Suvvia.

Arriviamo allo Zunesha nella stanza, il livello dell’acqua. Il cartiglio del narratore onnisciente asserisce: mai prima d’ora fu registrato un evento di tale risonanza mondiale. Col piffero, rispondo io. Certo che non è mai stato registrato prima ma… in questa epoca. La gente è completamente ignara di vivere una teocrazia, di aver firmato un suffragio silenzioso, tutti vivono nel loro orticello: perché così vuole Imu.

Almeno finché non si palesa Joy Boy, perché i casi sono ufficialmente due:

  • o il GM è veramente una pantomima burocratica, un branco di statali inetti. Per enfatizzare la figura di villain assoluto: Teach
  • oppure è volontà di Imu avere a che fare con Joy Boy. Non ho idea della ragione. I PG li detesta tanto quanto il clan della D, poco ma sicuro. Palese la sua reazione dinanzi Re Cobra. Nel caso in cui non volesse il risveglio dei tamburi… beh, come direbbe Giacomino? Ma allora sei deficiente, dimmelo Imu: son deficiente, e lo so. Sul serio ora. Non riesce a prendere neanche UNA delle pietre storiche, ok. Un frutto ti riesce a gabbare per la bellezza di 800 anni, ok. Ma, Marinford? Non scateni tutta la potenza militare, i giganti, gli ammiragli, la Cp-0, la capra di Sengoku… verso un certo tizio? Che è venuto lì alla base, e letteralmente ogni due passi sta urlando come un disperato: gomu-gomu-questo, gomu-gomu-quello?

Ad ogni modo, riepiloghiamo. Il Mother flame indicativamente dovrebbe avere questa natura: un’arma totalmente di Vegapunk, ma costruita su ispirazione del Regno Antico. Come faccio a dirlo? Per esclusione. Vegapunk stesso si rammarica di non aver intuito l’energia antica, va da sé che non ne dispone, conseguentemente: non può fare funzionare tecnologia antica. E quindi, che ti fa lingua-boy? Novello Efesto crea la sua forgia, dopo il green blood arriva il power plant. Quanto è farina del sacco di VP e quanto delle conoscenze antiche? I Cinque Anziani parlavano di testare il MF: per vedere se era simile all’originale. Orazio fece bene ad estendere la dicitura Ab ovo, ampliandola in ab ovo usque ad mala (dall’uovo alla frutta), è esattamente ciò che sta succedendo in One Piece. Il principio si avvicina alla fine.

L’innalzamento di un metro, si, è tanto. Fate conto che se si sciogliessero domani tutti i ghiacciai – nella nostra realtà – avremmo un innalzamento di 110-120 metri. Il solo pensiero è spaventoso. Ad ogni modo, tutto torna in maniera sinistra:

  • le disfunzioni geomagnetiche dello Shinsekai
  • il fatto che la massa maggiore in One Piece sia l’acqua. E non esistono continenti, ma isole sparpagliate. Tecnicamente, è un mondo nella fase del nostro Triassico. Dove dominava un unico immenso oceano: la Pantalassa
  • e questo super-oceano cosa circondava? La Pangea, toh, il nome del castello di Mary Geoise. Giuro, lo giuro genti. Se è una sciocchezza, se Oda ha scelto il nome perché fa figo: mi faccio sputare in un occhio da un Lama. Non è possibile non ci sia un minimo di attinenza

Ripeto, non si è mai registrato un fenomeno simile? Si. Ma in questa epoca.

Gli apparati di VP (non si sa se di natura organica o completamente tecnologica) creano incertezze, un senso di variopinto smarrimento. Ma anche una certa curiosità propositiva, solo in questo capitolo molti hanno paragonato la sua energia al nucleare. Mi riservo il privilegio di darvene un quadro accurato e completo

In questo articolo troverete l’analisi completa Vegapunk-nucleare. Buona lettura.

Ne parleremo anche stasera, a proposito, oggi si parte mezz’ora prima. Reactiamo l’episodio di One Piece, e poi si va di Fatal, una bella mazzata-termonucleare-vecchie maniere, vi lascio il link!

https://m.twitch.tv/bikeandraft?desktop-redirect=true

Possiamo eradicare un paio di osservazioni. Genti, per chi lo dovesse credere. Enies Lobby è God Valley tanto quanto Salvini è un raffinato contro sociologo, maestro dell’eloquenza. Giusto per chiarire. Il giganti sono a guardia da cinquant’anni, GV risale a 38, i conti non tornano. Inevitabilmente c’è chi ha visto e rilanciato, correggendo: no no, a Enies Lobby’ c’è il regno antico, che fu distrutto.

Peccato che il regno avesse la superfice di un continente, roba che EL al confronto: è un dignitosissimo monolocale in equo canone a Cinisello Balsamo. Però dai. Questa mi mancava, ormai le colleziono. Proseguendo, ricordiamoci che si parla di un manga, quella è una voragine impossibile. Ovviamente i bordi si dovrebbero richiudere. Tutti stanno dando importanza al perché non si chiude, sveliamo l’arcano: perché è una storia dove i dromedari ti parlano, le caccole esplodono. Ecco perché.

Se volete considerare gli effetti, beh, c’è la legge di Stevino. Con il solito brio, lo sorriso saturnino sotto i baffi: ne ha parlato diffusamente il Re. Ironia e analisi nel più puro spirito episteme e doxa, che desiderare di più?

In medias res (pitch black)

Siamo degli ingiusti che se ne fregano della giustizia’

– Dario Fo

All’appello mancano sempre Lafitte e Katarina. Si, mi sono fissato con loro. Oda, rammentate, non mostra il trucco ma solo il prestigio. Significa mostrare la zattera che arriva – anche prima della Marina, peraltro – e poi non accennarvi più, neanche per sbaglio.

Chissà chi c’è sulla zattera, la mia scommessa la conoscete, sono i due pirati sopracitati. Magari prendo una cantonata epica, eh. Diciamo che ci spero, nel precedente articolo vi ho spiegato perché la kitsune sia la più pericolosa fra i Kurohige. Nel qual caso fosse lei non è ancora in azione. Perché il Frontier dome è a pieno regime, e cosa può volere Teach, se ha mandato uno dei suoi? Per come la vedo io:

  • ipotesi che feci mesi fa, se il seraphim di Boa ha il potere della sua controparte. Quello agognato da Teach. È estraibile dalla mini-Boa?
  • aperto il frontier Katarina avrebbe via libera. Sabo è stato fotografato vicino il cadavere di Cobra, Luffy è stato accusato pubblicamente. Un omicidio eccellente, Kata-Luffy in posa, taaac… il complotto è servito

Oda si sta divertendo parecchio. Come Dario Fo in Aria di Golpe. Quando – in scena, con tutta la compagnia – finse un intervento repressivo da parte delle istituzioni. Il pubblico, indignato, protestava ferocemente, non rendendosi conto che si svolgeva una rappresentazione nella rappresentazione. Che faceva da monito al pericolo per popolo italiano, quanto quello cileno. Che razza di genio.

Insomma, Oda rigira le carte. E vale lo stesso per Kizaru. Sapete che sostengo ferocemente lo scisma Governo-Marina. Beh, stavolta capiremo l’ammiraglio in base le azioni di Saturn, e vedremo se tira aria di golpe. Mi sono espresso ampiamente su Aokiji, su Aramaki, Fujitora, Akainu. Quali, i punti di Kizaru?

  • è implacabile ma non sadico
  • è gioviale. Iconici i suoi sfottò verso chiunque, anche nel capitolo: mostra il suo potere devastante a VP e Sentomaru… creando dei fuochi artificiali

Voglio vedere che faccia fa.

Si, voglio vedere la sua espressione se Saturn si trasforma, capire quindi quanto sa la Marina e quanto può sopportare. E questo delineerà Akainu e Aokiji. Perché l’essere e il sembrare sono in antitesi, e… al diavolo la falsa retorica. Il cane rosso è sull’orlo di esplodere, il fagiano blu non si è svegliato una mattina malvagio. Aokiji sta creando:

  • o uno scenario dove ci rimetterà le penne
  • o un gesto estremo risolutivo, che comporterà perdita di vite umane

Spiegherebbe l’atteggiamento di Garp. Kizaru è sempre stato borderline. Indolente, risoluto, indecifrabile. Senza pregresso si tira ad indovinare. Ma state pur certi che le sue azioni lo classificheranno, in questa saga. Già non torna proprio tutto, è vero che minaccia Sentomaru, come è vero che entrambi sono pacifici e tranquilli, come se sbrigassero una formalità. È un tarlo fisso, ormai. Tutto è racchiuso nella frase: chi studia il secolo vuoto si scava la fossa da solo, mi dispiace.

I marine sono perfettamente consci di essere dei killer.

Perché? Perché è stato detto loro, che se trapelasse qualcosa: tutta la popolazione sarebbe in pericolo? Accettano l’onta dell’ingiustizia pur di salvare quante più vite possibili? Ecco. Questo si, che rientra perfettamente nella profilo psicologico di tutti e tre gli ammiragli.

  • Akainu è evidentemente sorretto dall’odio di un fatto personale. Eppure non mi esce dalla testa… può veramente aver accettato il contrabbando di armi durato trent’anni a Wano? Con un imperatore? Può saperlo e non battere ciglio?
  • Aokiji ha mani e coscienza bagnati di sangue. Ha fatto lo step successivo di Garp stesso. Non solo sbeffeggiarli: combattere i celesti
  • Kizaru è convinto che – seppure imperfetto – il sistema garantisce maggiore pace?

Ecco la scrittura in medias res. Ecco a cosa serviva la lunga pausa dai Mugi. Proseguire la trama orizzontale creando un evento cruciale che fa parte di una serie di vicende correlate. A loro volta estensione di eventi precedenti… che svilupperanno le azioni successive.

In questo modo si spiegherà tutto ciò che non abbiamo visto tramite flashback. Oda sta indicando la luna, smettiamola di guardare il dito

Il ciclo delle fondazioni

‘Non c’è equalizzatore più grande della stupidità degli uomini, specialmente quando quegli uomini hanno il potere.’


– Dario Fo

Epilogo cloni:

  • Shaka, gli hanno sparato un pochino
  • Edison, era conciato malissimo tra le braccia di Nami
  • Pythagoras, gli ha fatto saltare la testa Boa
  • York, tienimi che ti tengo
  • Atlas
  • Lilith

Le ultime due sono in teoria intercambiabili. Chi manca nell’ultima vignetta? Kaku, Stussy, Atlas, Lilith e… Robin. Ok. Andiamo per gradi.

Lucci è placidamente sullo sfondo, non è legato. Hanno preso un accordo. Risvolto interessantissimo, se il leopardo mostra – non eccessiva, un pizzico – di umanità, mi diventa un personaggio dalla scrittura veramente rotonda. Felicissimo anche se solo rinnega il governo. Kaku e Stussy non so che mansione stiamo svolgendo. Forse stanno aiutando Atlas o Lilith a medicare qualcuno. Sempre con Robin c’è almeno Atlas o Lilith. Perché?

Sapete cosa significa Samizdat? Sta per ogni produzioni letteraria costretta alla clandestinità a causa di un regime di censura governativo Russo. Ora togliete produzione letteraria e mettete poneglyph, poi via governo Russo e mettete Mondiale. Et voilà, sono praticamente lo stesso concetto, anche perché ogni giornalista, intellettuale o scrittore che ne produceva, parlava, diffondeva: fu soggetto a persecuzione. Dopodiché venivano internati in maniera coatta in ospedali psichiatrici, imprigionati a vita. Giustiziati.

A Egghead non c’è un PG, ma c’è tutto il sapere di Ohara… sui PG. Se non il nome del Regno antico, o magari ,semplicemente, il modo per arrivare a quella etimologia. Stiamo parlando di Robin, mica di Helmeppo. L’archeologa è la chiave di volta. Tutto sto casino nasce dal terrore di far trapelare la verità sui 100 anni. Lilith o Atlas sono con Robin, presumo le serva chi sa usare il Punk records, per di più bastava una sola memoria di Ohara (i libri li hanno i giganti), mi pare chiaro come il sole che una delle due andrà perduta. Sicuramente qualcuno penserà che è il momento di Caribou atto a colpire, io la vedo diversamente. Dopo l’upgrade di Wano? Se il pirata ingaggia Robin… lo fa piangere come una bambinetta, sicuro come l’oro.

Promotori di palingenesi, azzeccagarbugli, burattinai impenitenti, demiurghi e millantatori fino allo sfinimento. Ma i Cinque Anziani, lo sappiamo, hanno anche dei difetti. Far trapelare qualcosa li sconvolge letteralmente:

  • quando Lilith ‘denuncia’ Stella, fu già presa allora la decisione di ucciderlo
  • non hanno pensieri ad uccidere anche lei, difatti rinunciando a tutte le invenzioni dei VP

Ordinano persino di giustiziare operai e ricercatori, così, per sicurezza. E la Marina esegue fedele.

La ciurma è po’ rattoppata e si rifocilla. Possiamo fare brevi conclusioni:

  • ovviamente lo scontro è stato solo con i Seraphim, ora inizia la guerra
  • se la chiamata procede, avremo il primo confronto Cinque Anziani-mugi, assolutamente spettacolare
  • purtroppo non escludiamo altri arrivi, con le vivre card contestualizzi tutto perfettamente
  • l’incidente di Egghead non è questo, perché i giornali hanno parlato di Garp, il mondo è turbato dalla scossa. Ma ora la voragine di Lulusia è di dominio pubblico. L’incidente sarà ciò che trapelerà da questa battaglia
  • Orso non è morto, Bonney è placida e tranquilla, sebbene magari non abbia notizie di prima mano: è completamente sconclusionato uccidere Orso off-screen. Per di più, ciò che contengono i suoi ricordi non credo abbiano connotazione malvagia. Bonney mangia che è un piacere e fa la teppista come sempre. Saranno ricordi dolorosi (in una vignetta piangeva disperata), ma tali da temprarla: è chiaramente pronta a menare le mani

Quale che sia l’esito. Questa volta il mondo non rimarrà indifferente

Innuendo

Spero di avervi intrattenuto, spinti a riflettere.

È… divertente. La paura cieca dei Cinque Anziani, il terrore che il volgo sappia chi c’è sul trono.

Egghead è basata sulla moralità. Una saga in cui vibra certa umanità profonda, un intreccio di misteri, di sentimenti. Travolti dal rancore o nobilitati dal coraggio, perfino schiacciati dalla colpa fino all’abiezione. Ma pronti a riprendere il cammino sulle ali della speranza. Del sogno.

Godiamoci il viaggio, genti

‘… centomila braccia solleveranno questa enorme montagna e, prendendola sulle loro spalle, faranno una grande risata che farà tremare il falso trono su cui sedete!’

– Dario Fo

Cenere

Related Posts