One Piece 1086: La luna Rossa, Keyser Söze, stagioni negli abissi

da Stefano 'Cenere' Potì
6574 visualizzazioni

‘Non dimentichiamo che le cause delle azioni umane sono di solito incommensurabilmente più complesse e varie delle nostre successive spiegazioni.’

– Fëdor Dostoevskij, L’idiota


Poesia dell’assurdo.

Salve genti, nuova analisi, capitolo 1086: Chi non crede in Dio, crede nel diavolo.

Eh si, i muri cominciano a sgretolarsi, questo capitolo adegua la prospettiva generale della narrazione. Originale tramite che evolve dal passato (Mary Geoise) al presente (Kamabakka). Un vero passepartout usato per definire l’incrocio stilistico creato da Oda negli ultimi mesi. Tanto da farci (quasi) dimenticare come, perché e dove siamo adesso: Egghead.

Questo substrato in tempi dispari era necessario, crea gli eventi che scandiranno la nouvelle vague dell’incidente che sconvolgerà il mondo intero.
Ma, perché tanti salti temporali?
È il momento dell’Elzeviro

Hellzapoppin’

Che ci crediate o meno, la spiegazione narrativa di questa serie di flashback risale al 1995. Ci arriveremo.

Quel che accadrà ad Egghead è importante per vari motivi, uno in particolare? La frase del narratore onnisciente che annunciava: verrà sconvolto il mondo intero.
Aberrazioni, ingiustizie, violenza su vasta scala. Sono fatti che alla popolazione non arrivano mai. La povertà di Pepe, i crimini morali ed ecologici di Wano, la schiavitù di Coconut Village, sono taciuti, una veste intima del tutto sconosciuta per il popolo. O quantomeno: sapientemente filtrata.

È propedeutico – per tutto l’arco finale – tenere bene a mente una distinzione assoluta, ci sono due tipi di popolazione in One Piece:

  • la gente non confederata come Wano, invisibili agli occhi del GM, considerati alla stregua animali, assolutamente privi di diritti umani. Nelle folli (de-umanizzanti) parole di Aramaki il messaggio era limpido: siamo superiori a voi, l’ordine sociale non si discute, in quanto modelli non conformi, verso di voi è autorizzata la segregazione. Se non la violenza
  • tutte le altre nazioni, comprese isole, atolli, arcipelaghi. Convinti di avere libertà individuale, in realtà vittime di istituzioni repressive

Il teatro di posa realizzato a Marinford è una prova schiacciante dell’apparenza sociale, creato ad arte per mostrare la Marina come figlia della luce (in realtà vittima anch’essa), e i pirati marci e malvagi. La realtà è semplice, e guardate quanto contraddittoria:

  • Sengoku fa andare quasi tutto in onda, a fine battaglia le popolazioni esultano dell’esecuzione. Il GM garantisce stabilità, la Marina protegge
  • dopo aver dato la doppia notizia che Luffy ed Ace non sono consanguinei, ma rispettivamente: figlio di Dragon, il secondo di Roger, e quindi vanno eliminati. Spegne il segnale televisivo. Perché ciò che seguirà: non è molto giusto ed eroico
  • il Grande Ammiraglio, successivamente, è il primo ad imbestialirsi, perché il GM seppellisce la notizia dell’evasione di massa da Impel Down: difatti mettendo in pericolo tutti i civili

Questo è lo stato sociale di One Piece. Un apparente clima di pace, omologazione alle leggi tramite assorbimento indolore, repressione di eventuali aspetti riformisti e castrazione di quelli eversivi.
Ohara, Lulusia.

Fra le righe risuona il motivo delle dimissioni di Garp e Sengoku, la palese rassegnazione di Tsuru.

Intanto ad Egghead – paese della scienza e del futuro – c’è il Dio guerriero della difesa scientifica, San Jaygarcia Saturn. Ora sappiamo perché proprio lui. E lì accanto, Kizaru: voglio vedere quanto la Marina sopporterà il guinzaglio del Governo.

Grazie ad un valido messaggio di fondo: Aramaki e Fujitora se le sono suonate di santa ragione.

Oda ha chiarito la posizione dei quattro Imperatori, fatto riemergere la D, consegnato le chiavi della conoscenza a Morgans, messo in palio il reale strato sociale dei Tenryubito (i ricordi di Orso).
Fatto entrare in scena Imu. Ma, soprattutto

Ha voluto far capire che se Nika ha scelto Luffy e Joyboy, altre entità hanno scelto il Governo Mondiale.
Il mito della divinità che sceglie il proprio campione ha ridimensionato tutto.

A meno che Imu non abbia anche il potere di trasformare gli altri, o cambiare la realtà come fa Luffy. E si andrebbe di solite dicotomie come bontà e malvagità, luce e buio, sogni e incubi.
Si vedrà.

Senza questa lunga prefigurazione, i fatti di Egghead non avrebbero lo stesso impatto devastante. Non poteva essere un fenomeno automatico. L’autore ha rimodellato la materia prima di One Piece, adattandolo alle esigenze di un presente sempre più deflagrante. Era doveroso tornare – soprattutto in vista della pausa – un istante su Egghead, paesaggio polimorfo e aperto a innumerevoli soluzioni.

Io intanto penso ad Imu e… Bryan Singer. Perché l’incidente chissà cosa sarà, ma, tutti i tasselli sono conosciuti.
A parte uno

‘La più grande beffa che il Diavolo abbia mai fatto al mondo… è stata quella di convincere tutti che non esiste.’

Roger ‘Verbal’ Kint, I soliti sospetti (1995)

Signore, signori: capitolo 1086…

Gli atomi tra i petali

‘La tragedia è che la bellezza è misteriosa, oltre che terribile. Dio e il diavolo stanno combattendo lì e il campo di battaglia è il cuore dell’uomo.’

– Fëdor Dostoevskij, I fratelli Karamazov

Se ve lo state chiedendo, si, Oda ci sta deliberatamente fuorviando, ovviamente parlo degli Astri.

È sempre più presente un confine morale, a volte esaltato, altre nebuloso. Sanno ordinare con fermezza ai Marine di tacere su Lulusia, mostrano chiaramente determinazione e ferocia.

È una tematica da narrativa psicologica, i loro discorsi contengono delle frasi racchiuse tra virgolette. Una tecnica espositiva atta a disegnare due tratti diversi, che purtroppo si snodano parallelamente.

Ma, sappiamo tutti del loro rimorso verso Ohara, se non addirittura mestizia per la sorte di Sabo. In questo capitolo mostrano chiaramente se non umanità e pietà, attimi di perplessità, le possibilità sono due.

Consideriamole, per non schierarli immediatamente come malvagi, e scusate l’esempio di un certo peso. Quel macellaio di Pinochet non sarebbe riuscito nei sui folli e orribili piani, comprendenti assassinii, omicidi di massa, arresti: nell’ordine delle centinaia di migliaia. Sarebbe stato fermato indubbiamente prima, se non avesse avuto al fianco dei folli fanatici come lui.
Se invece la loro indole fosse buona, quantomeno umana, rimane una sola spiegazione, hanno paura: che dal buio di quei cento anni esca qualcosa. Capace di scatenare scenari peggiori dell’attuale regime oppressivo.

È l’unica, o si fanno carico delle tragedie, o sono folli come chi li guida. E qui sarà protagonista la frase raccapricciante di San Figarland Garling. Che merita un paragrafo tutto suo, come sempre ci arriveremo.

Quindi, gli Astri mostrano totale rispetto e devozione ad Imu, è come nei corsi di giurisprudenza, per essere abilitato come avvocato ti fanno seguire delle lezioni di vuoto morale. Devi essere capace di difendere qualunque assistito, quindi tagli fuori le emozioni. Il loro è un continuo passare dalle linee sinusoidali della storia contemporanea… alla penombra della disintegrazione morale di Imu.
E il tutto si posa sui detriti di intere popolazioni.

Se non addirittura civiltà.

Cosa voluta ovviamente, in questo modo il lettore dispone di una pluralità di punti vista, e questo accresce l’indagine psicologica.

Ok, ineccepibile traduzione del Mala e adattamento del Re alla mano, iniziamo ad incidere più in profondità.
I 5 stanno discutendo i fatti recenti, Mars fa una dichiarazione precisa in relazione a Sabo

‘Non c’è persona che venga accompagnato alla stessa maniera da persone con la D’

Riferimento lapalissiano:

  • braccio destro di Dragon
  • intervenuto per salvare Cobra
  • fratello di Luffy

Al che Saturn ci fa capire in base a cosa hanno preso delle decisioni, un istante prima di essere interrotto da Imu

‘Piuttosto vorrei terminare il caso di Egghead, ma…’

Chiaro. Essendo il Dio guerriero della difesa scientifica: è la sua area di competenza. In più facciamo la punta al ca… ehm, siamo più efficacemente esaustivi. Ricostruiamo la cronologia, nel momento in cui i reali stanno appena salendo con le bondole, appena arrivati insomma, contemporaneamente:

  • Fujitora informa Aramaki che la nuova arma di Vegapunk è pronta, addio ai 7
  • Doffy parla del suo isolamento a Magellan, chiedendogli se sia per non fare arrivare sicari da lui. Per le sue dichiarazioni sul tesoro nazionale
  • poco dopo i Cinque Anziani ricevono la visita di Shanks

Volume 105 capitolo 1060, finito il Reverie:

  • i Mugi vengono a sapere di Vivi, incontrano Bonnie
  • Lulusia viene distrutta

Ecco, qui siamo in parallelo, di lì a poco arriveranno ad Egghead, essendo durata un mese la conversazione con York, e tenendo a mente il tempo necessario (al CP-0) per arrivare da Mary Geoise: la decisione di uccidere Vegapunk era presa già da tempo.

Qui subentra una realtà generale, occhio, Imu li contatta: vuole testare l’arma prodotta da Vegapunk. Quando hanno già deciso di ucciderlo, ovviamente nessuno ha la verità in tasca, ma possiamo avvalerci dell’inferenza. Potrebbero aver deciso di verificare un simile strumento proprio per stabilire se eliminare o meno subito, lo scienziato.

Cosa te ne fai di un’arma che non funziona?

Il che è… inumano.

Perché, non solo la fine di Lulusia ha decretato l’eliminazione di VP. E conferma… che Lulusia sia stata distrutta solo per test.

Come sempre, oggi vi ricordo la Fatal, sia per il puro intrattenimento da sarabanda infernale, che per la traduzione del Mala

https://m.twitch.tv/bikeandraft?desktop-redirect=true

Perché senza quest’ultima, non potrei gettarvi questa bomba con precisione. Saturn-boy non dice di voler testare l’efficacia, bensì

‘se lo testassimo, capiremmo se sia o meno come l’originale’

Kabooom.
Punto, set, partita.

Questo è… molto diverso. Perché crea due scenari inquietanti, ma molto diversi. Oda qui è estremamente ambiguo, deliberatamente. Gli piace proprio vederci sbiellare. Perché definisce realtà decentrate e ugualmente significative, di conseguenza: non fornisce un indirizzo con chiarezza.

Allora, o sta parlando di Regno antico, e della sua tecnologia. O di un’arma progettata da VP.

Personalmente, collegai subito lo scienziato al nucleare – in paralleli energetici, ma soprattutto morali – ovviamente accomunandolo alla figura di Einstein

Ma la fase espositiva degli indizi tende ad escludere. Perché ha aderito al governo, ok. Ha costruito armi ed eserciti, si. Giocato con la sperimentazione umana, ne siamo purtroppo a conoscenza.

Ma lo stesso Dragon rifiuta un pensiero simile, e tralasciando questo, potrebbe essere arrivato fino a questo punto? Quanto può essere cambiato: il bambino del sogno geotermico, colui che pianse non riuscendo ad aiutare il prossimo?

Teniamo a mente una cosa, un concetto che esaminavo nell’articolo sul 1066: a volte le scoperte hanno solo successivamente un’applicazione bellica.
Esattamente come per il nucleare.
E magari sbaglio completamente, ma vedo VP ancora maggiormente incline verso fiori e petali nei cannoni: piuttosto che verso la distruzione di massa.

Peraltro, preparate la canna da pesca, perché raramente ho visto così tante aringhe rosse. L’arma, la natura di Imu, il collegamento fatto direttamente dall’autore con l’Ope Ope? Troppo facile, ci si arriva nei giusti paragrafi.

In fatto di aringhe…
La prima è proprio questa

Sabo asserisce di non conoscere un tale fenomeno naturale, infatti pensavo subito ad un arma, ma lui è un guerriero.
Vegapunk il miglior genetista del pianeta. Non ho teorie, ma lo terrò a mente.

Passiamo alla seconda ipotesi.

La logica impone siano le vestigia di qualcosa di antico, e – che sia vecchia tecnologia o Arma Ancestrale – chiaramente si può giungere a due illazioni, di quelle potenti:

  • scagioniamo moralmente (di poco, non è uno stinco di santo, anzi) in parte Vegapunk: costruiamo pure quest’arma, non esiste energia che possa alimentarla
  • ma nel caso in cui fosse parte del Regno Antico, e ci fosse qualcuno in gamba che la conosceva… quell’energia? Qualcuno che sbuca dalle nebbie di 800 anni prima?

Analisi capitolo 1085, forse mi sono avvicinato, chi lo sa. Il mio lavoro è riflettere e farvi riflettere. Non mi interessa avere ragione.

‘Io voglio la verità!’

– Tom Cruise, Codice Rosso

Mille scuse, era per stemperare.

E ci voleva, perché ora partono due legnate.

Imu, ora come ora: è accostabile alla vendetta, la malvagità più assoluta.

Mettiamo caso stia tutelando l’umanità da una minaccia peggiore, che gli/le abbiano ucciso qualcuno di caro, abbia subito qualcosa di atroce, insomma. Magari un ciclo di eterna violenza alla Naruto, giusto per ipotizzare.

Parliamo – senza sensazionalismi, ma in maniera diretta, cruda – di chi ha giustiziato sul posto un vecchio inerme e paraplegico. E – in ottica fantasy, badate – se risultasse comprensibile uno scatto d’ira verso un discendente dei tuoi acerrimi nemici, non lo è, e non lo sarà mai: il genocidio come crash test.

L’unica cosa che traspare da Imu ora è un’altalena mentale di intrighi e graffi, dalla sua psiche emerge quel fondo irrazionale, quasi demoniaco, che a volte si cela nell’animo umano.

È bastata una frase, anche banale

‘perché è vicina’

A farci venire i brividi.

Imu è l’emblema della possibilità. Uomo, donna? Adulto, bambino?
Si penserebbe che un infante non sia capace di tale ferocia. Sicuri?
Dylan Dog n° 30, La casa infestata

Che capolavoro. Un bambino non è capace di malizia e malvagità, ma quando odia: non ha nessun freno inibitore, non percepisce esattamente l’impatto e l’estensione delle sue azioni.
E qui è ancora più complesso.
Perché, come hai governato le sorti del mondo per 800 anni con una mente infantile?
Ma, se avesse un ciclo che concerne il cambio di corpo, la mente sarebbe già arrivata alla soglia della maturità da secoli.
Imu è tracciata in modo da essere pura incognita, ho un hype che si taglia con il coltello. E c’è un mese di pausa. Ma tranquilli, il Bike vi porterà uno sfacelo di contenuti.
Anyway...

Sono rivelati i nomi degli astri, e no, non mi lancio in fantasiose interpretazioni basate: sul niente assoluto.

Personalmente aspetto un minimo di contesto perché, se ci aspetta veramente di evincere uno schema dai pianeti… stiamo freschi.

Facciamo tre esempi pratici, divertiamoci:

  • Oda ha disegnato Stussy con tratti da succube, ma caratteristiche vampiriche: solo perché gli piace
  • esempio riportato di recente, nella mitologia giapponese la Ame no Habakiri uccide lo Yamata no Orochi. In One Piece viene ucciso dalla comunissima spada di Denjiro
  • i satelliti di Vegapunk. Sapete che – a ritroso nei secoli, dalla cultura ebraica a quella cristiana – esiste un profondissimo legame tra Lilith e York? E, se voleste approfondire, scoprireste un rapporto tra marito e moglie. Ovviamente molto dopo l’abbandono di Adamo, l’Eden e la sua dichiarazione di indipendenza

Molto semplicemente, la cosmogonia dei miti, i riferimenti storico-mitologici in One Piece, la scienza: non sono quelli del nostro mondo.

Al 90% Oda lo fa perché gli suona bene.

Quindi ho due garanzie:

  • oggi non offenderò né la vostra né la mia intelligenza. Lanciandomi in comuni paralleli fra pianeti. Cercando di marcare una linea di fantasia… presente solo nella mente dell’autore. Alla ricerca disperata di un minimo dettaglio attinente
  • su fatti più solidi, qualcosa di interpretabile e sensato. Dovessi fiutare qualcosa di plausibile: mi scatenerò. Promesso, mi conoscete

Basiamoci piuttosto su fatti concreti. Tipo questo

Visibilmente maltrattate, perché ora lo sappiamo, i pensieri di Imu – inesorabile come uno schiacciasassi – sono persi nel rigore claustrofobico di un piano ossessivo e preciso. O furia cieca…

Chi scelse, tra le luci da spengnere?

Lì vediamo:

  • Luffy
  • Teach
  • Shirahoshi
  • Vivi

La mente spinge ad una scissione indubbia, abbiamo le due D palesi ereditarie delle volontà più pericolose. Che vogliono cambiare l’equilibrio del mondo intero. E due principesse. Ma nel volume 90 capitolo 908, c’era una differenza; risparmiata dalla furia, oppure oggetto di un ragionamento differente

È la foto di Vivi, che rimane intonsa e presa in considerazione.
E ora?

Qui si fa febbrilmente interessante. Attenzione, non sta scritto da nessuna parte che sia la luce da spegnere. Sapete perché ha scelto lei?
Perché dopo la bellezza di 800 anni, ha scoperto tramite Cobra: che è una D.

Riformulo: la scelta è presa dopo averlo saputo.

D o aspirante D (nel precedente articolo ho scritto ben due teorie, in merito), ennesimo bivio. Caratteristica innata o presa di coscienza tramite un simbolo? Sul sacrale, la penna di Oda si muove con lentezza ieratica, ok. Ma preferisco mille volte di più attendere: che vedere 26 anni di speranze buttate al vento. Parlo per me.

Sul fronte mondiale? Sopperendo al voltagabbana degli Shichibukai, entrano in gioco i Seraphim. Meravigliosi, ho riso di gusto:

  • Doffy è perfetto
  • Moria punk e acidissimo
  • su Crocodile: non mi soffermo sull’androginia del disegno. A Oda arrivano alle orecchie le fantasie della community, se la spassa di proposito, fidatevi (che poi, vai a sapere)

La Marina – c’erano dubbi? – è assorbita sui compiti istituzionali di gestione delle rivolte. Il GM la usa letteralmente per levarsi certi compiti dalle scatole.
E qui entra in scena la bellezza di Egghead. Perché è vero, la D, i cento anni, il segreto dei frutti: non possono essere svelati prima di Laughtale. Certamente. O il viaggio non avrebbe senso alcuno.

Ma la Marina sta decisamente mostrando la corda. Garp, Aokiji e Fujitora lo stanno chiaramente dimostrando. Se c’è qualcosa che può già darci Egghead… sono degli schieramenti o, almeno, se non il seme della rivolta: quello del dubbio.

L’isola del futuro è perfetta: per fare sentire finalmente la voce della Marina.

Perché per effettuare di una presa di fiato: ne serve prima una di coscienza

Genesi della rivoluzione, corso 101

‘Sono proprio i piccoli particolari, di solito, a rovinare ogni cosa…’

– Fedor Dostoevskij, Delitto e Castigo

Ve lo dico immediatamente, mi rifiuto di fare il collegamento Nerona-Nerone/Mother flame-incendi.

Volessi prendervi in giro ci potrei ruotare intorno per ore. Non si sa un piffero di Imu, su quale base concreta lo vorremmo paragonare all’imperatore romano?

Ah, le fiamme e il temperamento. A beh.

Il Marchese de Sade lo riteneva un esteta talmente folle e compulsivo da voler superare il limite umano. Beh, dai carino come paragone concettuale.

Fatto sta che molti studiosi – sia dell’epoca che moderni – discolpano totalmente Nerone dagli incendi. Lui stesso incolpò i cristiani di tali fatti, che faccio, ci vedo il nesso sulla D e il cristianesimo, come ho scritto nell’articolo precedente? (recuperatelo e capirete, se l’avete perso).
Che ci starebbe anche, equazione quindi:

  • se Nerone fosse Imu
  • i cristiani accusati da lui sarebbero i D perseguitati da Imu
  • quindi il simbolo con cui si riconoscevano i cristiani ribelli (ἰχθύς, pronuncia Ichthys) sarebbe la D in One Piece

Toh, concettualmente regge pure! Un ragionamento basilare c’è. Ma non lo rivendico con uno SVELATO o RIVELATO di quelli che fanno tanto ridere noi del Bike. Trovo semplicemente assurdo un silenzio di 26 anni: per poi ricalcare la storia di un imperatore romano. Suvvia.

Se poi dovesse esserci attinenza, daje top. Felicissimo che Oda ami l’Italia! Tornado seri…

Sabo manda la sigla, e inizia il previously on per Dragon ed Emporio. Sull’onda dell’impressione generale, il rivoluzionario viene accolto da eroe, in quanto regicida. È paradossale che gente perbene festeggi la dipartita di un Re coraggioso, ma Sabo non riesce proprio a spiegarsi.

Tra rimorso ed incertezza, aiuta la popolazione. Poi, avendo un’ottima VPN, i cinque Astri non riescono a rintracciare il suo indirizzo IP, e quindi ad hackerarlo.
Scusate, ma mi fa troppo ridere questa faccenda.

Qui partono i depistaggi, veeero vivaio di aringhe rosse.

Primo

Oda ci butta letteralmente in faccia il collegamento eminenza grigia probabilmente immortale – persona che conosce sia tecnologia antica che armi ancestrali.

Secondo

Ci fa pari pari il collegamento Ope Ope, immortalità, membro dei primi venti.

C’è qualquadra che non cosa.

In primis: abbiamo già argomentato sulla presenza nel cielo, sul frutto di Law… centinaia di volte.
Qui il punto è un altro.

Oda l’ha fatto deliberatamente.

Per fare cosa, dirci so che pensate questo? Vi taglio via l’unica inferenza logica? Eccolo il punto. Possibile che un artista così maniacale, un intero entourage di editor, lo staff del 50° brand a livello mondiale… non sappia cosa pensa la community?

Ma anche no. Questo no, fidatevi. È intenzionale. Quindi, le ipotesi sono due:

  • come si era ripromesso da anni (trovate l’intervista sul nostro canale YouTube), se ne sarebbe fregato altamente, mantenendo inalterata la sequenza dei fatti. Così come la trama si svolge nella sua mente. Quindi, bravi noi
  • oppure, ha seminato una briciola alla volta, con calma, tranquillità, abnegazione, e ora, preso da euforia ed esultanza (sta entrando nel vivo, diamine), ci sta facendo intuire: che se semo sbagliati popo

One Piece è per ragazzini e ragazzine? Si, anche. È banale e infantile? Yes, of course.

Ma, veramente il maniaco del plot twist, la cintura nera 10° Dan di climax: ci serve la verità così? Facilmente? Nessuna lamentela eh, solo, mi fa strano un autore che si bruci i colpi di scena.

Due collegamenti degni di nota ci sono:

  • il motivo della deferenza verso Imu, semplice ma con striature di verità
  • la domanda, perché ora? Che effettivamente rimescola sapientemente una serie di tematiche

La seconda è più di impatto. Nel capitolo si parla di testare l’arma. Quindi, per stessa ammissione dei cinque, prima non si poteva. A volte le domande sono più importanti delle risposte.
Cosa può essere successo?
Cosa è cambiato?

È successo che:

  • se si verificano ribellioni multiple, devi sedarle e dare un esempio
  • se vedi che si agitano le acque, devi prepararti alla battaglia finale
  • disponi di uno scienziato geniale che: A) ha costruito un’arma nella certezza nessuna energia conosciuta la possa sfruttare; B) ha ricostruito qualcosa di antico, sempre contando sull’assenza di energia; C) ha creato qualcosa o qualcuno che non usi… perché magari farebbe notare la tua stessa presenza al pianeta

Questo è successo, teoricamente.

Per il cambiato, le decisioni sono prese dopo la parentesi Nefertari. Quindi i fatti di Lili e la D. Le decisioni sono: testare l’arma, avere Vivi.

E questo non è da infante, quantomeno mentalmente.
Questo è da individuo freddo ed obiettivo, che non si sottrae al calcolo della ragione

Il quarto comandamento

‘È la luna che rende così immobile, tessendo un po’ di mistero.’

– Fëdor Dostoevskij, Delitto e castigo

Anzitutto, Myosgard vecchio cuore assoluto.

E ora…

Eccolo qui.
Dai dai, diciamola subito. Il padre, il nonno di Shanks? Vediamolo meglio, mhh, il Rosso è sui 40, dai dai, dovrebbe essere il padre (conoscendo Oda, alla fine è un panettiere, scommettiamo?).

A prescindere da tutto, tiriamo fuori il massimale dalla pagina. I Draghi celesti hanno dunque (finalmente) più strati sociali. L’immondizia come Charloss, da temere e deridere, e così è… perché fa comodo ad Imu. E L’Ordine dei cavalieri di Dio, pare essere una élite e contemporaneamente braccio armato del Cinque Anziani. Perfettamente spiegabile l’aura nazistoide che li circonda, pare siano: giudice, giuria e carnefice. Insomma, anche quelle amebe decerebrate non sono intoccabili.

Traduzione alla mano, costui è un sovrano: ma non il sovrano di God Valley.
Ma lì svolse un compito molto importante. Sempre lì Shanks venne abbandonato, e per storia e indole ha abbracciato la pirateria come stile di vita, scelta romantica.

Questi due si conoscono? Sailor Garling conosce sicuramente Shanks, come lo conosce Sengoku e tutta la Marina, gli Astri, diamine… è un imperatore. Il punto è se Shanks conosce lui. Ma, scommettiamo di si? Perché il Rosso ha un piano ben preciso in mente, e sembra conoscere benissimo il life style di Mary Geoise.
E, compariamo?

Una frase degna del totalitarismo di Aramaki

Razzismo a lenta combustione, sociopatia, timbro mentale degno di un girone dantesco.

Ma, quella vignetta, ha già una risposta

La via per il One Piece è la strada che porta verso il Sole.

Dall’altra, buttandola sul simbolismo, la luna scandisce sì le fasi di sviluppo della vita, ma è anche un pianeta che vive per metà nell’oscurità, astro che amplifica il buio.

D’altronde, non puoi non sapere che tuo figlio è lì fuori nel mondo.

Tutto si gioca sul motivo per cui due astri sono fuori dalle rispettive orbite

Apnea

Spero di avervi intrattenuto, strappato una risata, indotti a riflettere.

La pausa di 5 settimane è relativa per la community del Bike, il palinsesto di Twitch andrà avanti regolarmente, come quello di YouTube. Il Re poi… è carico a pallettoni: ha in serbo per voi una sfilza di video.
Ci sarà da divertirsi, contateci.

Il 1086 è l’inizio di qualcosa di veramente importante. Disgrega i pensieri, segna una linea intuitiva ardua da superare. Facciamo prendere una sacrosanta pausa a Oda sensei, che tornerà con la sua imprevedibilità, carattere innato del suo modo scrivere, spirito e classe con cui si pone la stessa domanda da 26 anni…

Godiamoci il viaggio, genti

‘Ma come puoi vivere senza avere una storia da raccontare?’

– Fëdor Dostoevskij, Le notti bianche

Cenere

Related Posts